Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Policlinico, è quasi baby boom i parti in aumento del 6,30%

Nei primi sei mesi dell’anno si sono registrati 1457 nascite cesarei in calo del 22,4% E il 60% dei neonati è figlio di genitori italiani

L’inizio del 2018 conferma l’andamento più che positivo dei parti registrati al Policlinico di Modena: solo considerando i mesi da gennaio a giugno si possono contare 1457 parti, con un incremento del 6,30 per cento rispetto all’anno passato. Mentre i cesarei si sono ridotti del 22,4 per cento, il 12 per cento vede nascite effettuate in analgesia epidurale, e il 9 per cento al Centro Nascita, luogo dove le ostetriche accompagnano l’evento del parto coinvolgendo il padre e offrendo sostegno a ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

L’inizio del 2018 conferma l’andamento più che positivo dei parti registrati al Policlinico di Modena: solo considerando i mesi da gennaio a giugno si possono contare 1457 parti, con un incremento del 6,30 per cento rispetto all’anno passato. Mentre i cesarei si sono ridotti del 22,4 per cento, il 12 per cento vede nascite effettuate in analgesia epidurale, e il 9 per cento al Centro Nascita, luogo dove le ostetriche accompagnano l’evento del parto coinvolgendo il padre e offrendo sostegno alla madre attraverso massaggi, l’uso dell’acqua e del calore, oltre ad un importante sostegno emotivo.

Di questi parti, 581 riguardano bambini in cui almeno un genitore è nato all’estero: la maggioranza è delineata dalla comunità marocchina (120 sono state le nascite), subito seguita da quella ghanese (con 57) e albanese (con 53).

Dati statistici interessanti anche considerando la residenza delle neo-mamme: su 916 parti totalizzati nei primi quattro mesi di quest’anno, 845 mamme (il 92 per cento) risiedono o abitano nella Provincia di Modena, le restanti 71 (l’8 per cento) risiedono fuori Provincia.

Nello specifico, analizzando i comuni di residenza delle mamme, è Modena ad avere la prevalenza con 373 parti, segue Castelfranco Emilia con 76, Vignola con 45 e Formigine con 43. «I dati, seppur parziali, sono interessanti» ha commentato il professore Fabio Facchinetti, direttore dell’Ostetricia e Ginecologia del Policlinico. Nonostante affermi che un forte contributo alle nascite è dovuto alla popolazione migrante, continua constatando che «si consolida la fiducia generale verso il nostro punto nascita». Da non dimenticare il fatto che il Policlinico è anche la sede della Terapia Intensiva Neonatale: costituisce quindi il punto principale di riferimento - a livello provinciale - per il parto prematuro o con fattori di rischio. A riguardo il professore Fabrizio Ferrari, direttore della Neonatologia, racconta: «La nostra struttura assiste ogni anno circa 450 neonati. Nel 2010 sono stati 210 i prematuri di cui 68 con peso inferiore ai 1500 grammi». —