Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Fusione: il Comitato No costituirà un direttivo

MONTECRETO. Garantisce che costituirà al più presto un direttivo con tutti i crismi il Comitato del No alla fusione Montecreto-Lama Mocogno, incalzato dal sindaco Leandro Bonucchi sull'assenza di...

MONTECRETO. Garantisce che costituirà al più presto un direttivo con tutti i crismi il Comitato del No alla fusione Montecreto-Lama Mocogno, incalzato dal sindaco Leandro Bonucchi sull'assenza di trasparenza per non avergli mai comunicato nome e telefono dell'interfaccia. «Siamo dell’avviso non ci sia bisogno di presidenti e di numeri di telefono per dialogare con i propri cittadini – ribatte - Ma se per il sindaco è di vitale importanza la nomina di un direttivo solo per accettare un dialog ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTECRETO. Garantisce che costituirà al più presto un direttivo con tutti i crismi il Comitato del No alla fusione Montecreto-Lama Mocogno, incalzato dal sindaco Leandro Bonucchi sull'assenza di trasparenza per non avergli mai comunicato nome e telefono dell'interfaccia. «Siamo dell’avviso non ci sia bisogno di presidenti e di numeri di telefono per dialogare con i propri cittadini – ribatte - Ma se per il sindaco è di vitale importanza la nomina di un direttivo solo per accettare un dialogo, ne stia certo: verrà comunicato a breve. Ci vengono impartite “lezioni” di trasparenza da chi ha approvato uno studio di fusione sottacendo le criticità». Sul fatto che Bonucchi si sia detto disponibile a un confronto col Comitato solo se può esserci una rappresentanza di Lama, il fronte del No commenta: «O ci sono così pochi vantaggi per Montecreto a fondersi da chiamare a supporto chi di vantaggi ne avrà, oppure si ha paura di sostenere un confronto di per sé già perso».