Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Modena, rissa: pugni e bottigliate davanti alla stazione

Urla, grida, sangue, cocci di bottiglia, colpi che si susseguono, calci e pugni fra almeno cinque contendenti, forse anche qualcuno di più ad alimentare la furiosa rissa. Poi, come sempre, all’arrivo...

MODENA. Urla, grida, sangue, cocci di bottiglia, colpi che si susseguono, calci e pugni fra almeno cinque contendenti, forse anche qualcuno di più ad alimentare la furiosa rissa. Poi, come sempre, all’arrivo delle forze dell’ordine, il deserto. Sul posto solamente il ferito, lo stesso che ha chiesto l’aiuto delle divise. Teatro di tutto questo la stazione dei treni, o meglio, via Galvani, la strada di accesso che collega viale Monte Kosica a piazza Dante. Verso le 23 dell’altra notte la Vola ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MODENA. Urla, grida, sangue, cocci di bottiglia, colpi che si susseguono, calci e pugni fra almeno cinque contendenti, forse anche qualcuno di più ad alimentare la furiosa rissa. Poi, come sempre, all’arrivo delle forze dell’ordine, il deserto. Sul posto solamente il ferito, lo stesso che ha chiesto l’aiuto delle divise. Teatro di tutto questo la stazione dei treni, o meglio, via Galvani, la strada di accesso che collega viale Monte Kosica a piazza Dante. Verso le 23 dell’altra notte la Volante della polizia , come detto, è subito accorsa per cercare di sedare la rissa ma, al momento dell’arrivo, i contendenti si erano già dileguati. Un giovane nigeriano, sui venticinque, tyrenta anni, aveva parecchi tagli e ferite dovute alla colluttazione e alle bottigliate: ha raccontato agli agenti di essere stato aggredito da altri connazionali fornendo motivazioni varie e poco credibili, comunque al vaglio. Non si tratta comunque di una rapina. Sta di fatto che ha sommariamente decritto i suoi aggressori, facendo capire che si tratta di persone che bazzicano la zona di viale Crispi e dell’RNord. Nonostante le ferite, comunque superficiali, il giovane si è rifiutato di salire in ambulanza per i controlli e le medicazioni al pronto soccorso. —

S.TO

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI