Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Fanano, il paese della bandiera arancione incastonato tra boschi, laghi e torrenti

mete del turismo FANANODa diciassette anni è bandiera arancione, il riconoscimento del Touring Club Italiano ai paesi più verdi, che tutelano l’ambiente considerandolo il proprio tesoro, la risorsa...

mete del turismo

FANANO

Da diciassette anni è bandiera arancione, il riconoscimento del Touring Club Italiano ai paesi più verdi, che tutelano l’ambiente considerandolo il proprio tesoro, la risorsa che permette agli albergatori, ai commercianti, allo stesso Comune di dare nel migliore dei modi il benvenuto ai turisti. Che anche quest’estate sono tanti, a partire da chi da sempre non ha mai tradito Fanano, i suoi vicoletti, la sua piazza e il suo sguardo alla valle di Ospitale e al Cimone.

È u ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

mete del turismo

FANANO

Da diciassette anni è bandiera arancione, il riconoscimento del Touring Club Italiano ai paesi più verdi, che tutelano l’ambiente considerandolo il proprio tesoro, la risorsa che permette agli albergatori, ai commercianti, allo stesso Comune di dare nel migliore dei modi il benvenuto ai turisti. Che anche quest’estate sono tanti, a partire da chi da sempre non ha mai tradito Fanano, i suoi vicoletti, la sua piazza e il suo sguardo alla valle di Ospitale e al Cimone.

È un ventaglio di offerte molto ampio quello che offre la cittadina, con albergatori che negli anni hanno capito che l’unico modo per tenere il passo delle altre stazioni estive e invernali non solo dell’Appennino era investire, offrire comfort e servizi di qualità. Un percorso lento, difficile ma irrinunciabile.

Spiega soddisfatto per l’andamento dell’estate e le presenze, il sindaco Stefano Muzzarelli. «La stagione sta andando abbastanza bene. Le presenze ci sono. La speranza è che il meteo sia amico anche in questa seconda parte del mese e fino a settembre. Quello che Fanano offre è tanto e per tutte le età. C’è chi si dedica al trekking e chi con la mountain bike sale con la seggiovia verso il Cimone. E c’è chi si dedica al “trial”. Eppoi abbiamo messo insieme anche un cartellone per i turisti che offre iniziative culturali, mostre o che valorizzano la nostra storia e i nostri piatti tipici». Il palazzetto del ghiaccio non può non essere messo nell’elenco delle attività a cui non partecipare: se durante la stagione fredda offre pattinaggio al coperto, nella stagione più calda si trasforma in un semplice “palasport”, un’arena al chiuso progettata per ospitare eventi sportivi. «Siamo protagonisti anche di attività sui torrenti, sport in ascesa», continua il sindaco. Fanano è, infatti, un “territorio d’acqua”: laghi, torrenti e ruscelli la costellano. Senza dimenticare che in quota sono tanti gli appassionati di deltaplano e parapendio che ne solcano il cielo e le valli.



Otto gli alberghi e una decina i bed & breakfast oltre a tantissime seconde case. Il paese che ospita abitualmente tremila anime in questi giorni d’estate raddoppia le presenze, con punte ancora maggiori nei weekend. E tra chi cerca di restare al passo con i tempi, offrendo servizi all’altezza, c’è lo storico “Albergo Firenze”, struttura a conduzione famigliare. «Stiamo ingrandendo le camere - dice Matteo Baisi, con accanto il padre Giovanni - Per arrivare a dotarle di ogni comfort».

La stagione estiva sta promettendo bene, e le famiglie De Toffoli e Baisi, proprietarie, hanno già altri progetti. «Stiamo lavorando a stretto contatto con scuole inglesi di Londra - continua Matteo - La nostra idea è quella di creare pacchetti settimanali che possano permettere ai ragazzi di alloggiare qui e andare alla scoperta dell’Appennino. Abbiamo già prenotazioni per 120 ragazzi per questo inverno. È un progetto ambizioso ma in cui crediamo». —