Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Successo per “Agende rosse” dopo le intimidazioni di luglio

Un grande viavai di gente ieri in piazza della Repubblica Il movimento antimafia ha incassato la solidarietà  di numerosi cittadini

SERRAMAZZONI

Non si può certo dire che il tentativo intimidatorio del 22 luglio abbia fatto effetto: è stato un viavai continuo di gente ieri mattina a Serra per il ritorno di “Agende Rosse” un mese dopo l’episodio che fece scalpore.

Le tre donne che erano al banchetto furono oggetto di “attenzioni” particolari da parte di un gruppo prima di due e poi di cinque uomini, tra cui un calabrese già noto alle forze dell’ordine, che con gesti chiari le invitarono ad andarsene. E invece rimasero allor ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SERRAMAZZONI

Non si può certo dire che il tentativo intimidatorio del 22 luglio abbia fatto effetto: è stato un viavai continuo di gente ieri mattina a Serra per il ritorno di “Agende Rosse” un mese dopo l’episodio che fece scalpore.

Le tre donne che erano al banchetto furono oggetto di “attenzioni” particolari da parte di un gruppo prima di due e poi di cinque uomini, tra cui un calabrese già noto alle forze dell’ordine, che con gesti chiari le invitarono ad andarsene. E invece rimasero allora e sono tornate ieri Sabrina Natali (modenese che da anni segue il processo Aemilia), Catia Silva (ex consigliere comunale di Brescello, Comune sciolto per mafia dove ha già subito pesantissime minacce) e l’altra ragazza coinvolta. Con loro decine e decine di persone che hanno affollato piazza della Repubblica dalle 9.30 a mezzogiorno, raccogliendo in pieno l’appello alla partecipazione, mentre i carabinieri di Serra hanno vigilato per tutta la mattina. Bilancio molto soddisfacente per il movimento antimafia (qui col Gruppo Mauro Rostagno Modena & Brescello), che ha toccato con mano la solidarietà e ha soprattutto potuto informare molto.

«Se tutti facciamo il nostro piccolo pezzo, creiamo una rete e sconfiggiamo le mafie, perché quello che vuole questa gente è il silenzio» ha sottolineato la Silva, che il 22 venne seguita fino al bar e fotografata. «Non ce le aspettavamo minacce così esplicite alla prima volta che venivamo a Serra - ha spiegato la Natali -ma tutta questa gente qui oggi ci dà grande forza: sicuramente torneremo in autunno». Presente anche la deputata 5 Stelle Stefania Ascari: «È fondamentale essere qui a sostenere Agende Rosse - ha detto - per ringraziare le ragazze di quello che fanno e per ribadire l’importanza della denuncia». Sono venuti anche i consiglieri comunali 5 Stelle Francesca Marzani, Paola Guaitoli e Annibale Artoni, più gli ex Andrea Convenuti e Tomaso Tagliani. «Siamo soddisfatti: il nostro appello è stato raccolto in modo coraggioso - hanno commentato dal presidio del Frignano di Libera - un grazie anche ai carabinieri per la loro presenza discreta». — D.M.