Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

A spasso nella capitale del nostro turismo tra gastronomia, shopping, sport e natura

le mete SESTOLACorso Libertà attraversa tutto il centro: è la principale via di Sestola. Sorprendente altopiano rispetto alle pendenze, è costellata a destra e sinistra da molti negozi e imprese...

le mete

SESTOLA

Corso Libertà attraversa tutto il centro: è la principale via di Sestola.

Sorprendente altopiano rispetto alle pendenze, è costellata a destra e sinistra da molti negozi e imprese commerciali che compongono un’offerta quanto più completa per la zona dell’appennino.

Percorrendo il Corso si possono osservare antiche botteghe, riconoscibili per la pietra a vista caratteristica, e l’insegna incisa sul legno di un grande albero.

E nelle botteghe visi storici accolgono i sestolesi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

le mete

SESTOLA

Corso Libertà attraversa tutto il centro: è la principale via di Sestola.

Sorprendente altopiano rispetto alle pendenze, è costellata a destra e sinistra da molti negozi e imprese commerciali che compongono un’offerta quanto più completa per la zona dell’appennino.

Percorrendo il Corso si possono osservare antiche botteghe, riconoscibili per la pietra a vista caratteristica, e l’insegna incisa sul legno di un grande albero.

E nelle botteghe visi storici accolgono i sestolesi venuti a comprare il pane fresco o un litro di latte, ma anche i tanti turisti che nei mesi estivi affollano il centro.

Sestola in questi giorni è piena di vita, e i negozi apparecchiano la strada con i loro prodotti migliori, i loro raccolti.

I ristoranti espongono sempre più i menù con prodotti del territorio, i negozi di moda i loro capi migliori, e poi le biciclette elettriche, la grande novità dell’offerta sestolese. Tra antica tradizione e le tendenze 2018, il paese si prepara all’ultimo esodo di agosto che vedrà saturare le vie del centro. Già prima del 15 agosto, trovare posto nei ristoranti della zona era complicato, soprattutto durante i week and, così i turisti si accontentano spesso di una pizzetta al taglio o delle famose crescentine di Sestola (guai a chiamarle tigelle...), un’istituzione dell’appennino modenese. Le panchine del centro divengono, così, le tavole mancate dei ristoranti, e le numerose fontane si accalcano di persone armate di borracce e bottigliette, alcuni assetati dal pranzo appena concluso, altri, intenti a rifornirsi prima di iniziare un’escursione. Ma a Sestola bastano pochi passi nelle vie secondarie o salire qualche gradinata per ritrovarsi catapultati nella natura.

È sorprendente come il paesaggio cambi così velocemente. Ed è breve il passo dallo stupore allo sport, all’avventura, al movimento. Tra i monumenti più importanti da visitare c’è la Fortezza o Castello, che ospita musei, tra cui quello degli strumenti musicali meccanici (uno dei pochi esistenti in Italia), e quello dell’Antica Civiltà Montanara. Oltre ai monumenti tra cui chiese, oratori ma anche borgate e case padronali, si può visitare il Giardino Botanico Esperia, oasi ecologico-didattica d’importanza nazionale sulla flora appenninica spontanea e quella alpina.

È a Passo del Lupo a 11 Km da Sestola: ospita molte decine di piante e fiori che crescono abitualmente in catene montuose più lontane: appenniniche, esotiche, himalayane, tibetane e addirittura artiche.

Un insieme di offerte che richiamano turismo importante, non solo dalla dotta Bologna e dal modenese: Sestola è un po’ capitale, non solo per la stagione invernale, ma anche estiva. Tant’è che le soluzioni abitative sono varie e numerose. Ce n’è per tutti. —