Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il governatore Bonaccini in visita all’Emiliana Serbatoi

Al presidente sono stati illustrati gli investimenti in ricerca internazionalizzazione e innovazione: tre priorità  per un’impresa in crescita 

Il presidente regionale Stefano Bonaccini in visita nella sede di Campogalliano dell’azienda Emiliana Serbatoi.

Il governatore è stato ricevuto dalla proprietà, il presidente Gian Lauro Morselli e il fondatore Giancarlo Morselli, e ha visitato gli stabilimenti aziendali, dove lo staff ha spiegato le particolarità della produzione di serbatoi e sistemi di stoccaggio, trasporto, distribuzione e gestione del carburante.

«Al presidente - dice Emiliana Serbatoi - sono stati illustrati gli investim ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Il presidente regionale Stefano Bonaccini in visita nella sede di Campogalliano dell’azienda Emiliana Serbatoi.

Il governatore è stato ricevuto dalla proprietà, il presidente Gian Lauro Morselli e il fondatore Giancarlo Morselli, e ha visitato gli stabilimenti aziendali, dove lo staff ha spiegato le particolarità della produzione di serbatoi e sistemi di stoccaggio, trasporto, distribuzione e gestione del carburante.

«Al presidente - dice Emiliana Serbatoi - sono stati illustrati gli investimenti in ricerca, innovazione e internazionalizzazione: tre priorità per un’impresa in crescita, che guarda al futuro e che è presente con i propri prodotti in tutto il mondo, in oltre 80 Paesi dall’America all’Asia. L’azienda quest’anno celebra il 35esimo anniversario ed è operativa su due sedi: il quartier generale a Campogalliano e un secondo stabilimento a San Donà di Piave di Venezia. Complessivamente Emiliana Serbatoi impiega una novantina di persone e supera i 20 milioni di euro di fatturato, con una percentuale dell’export pari al 50% dei volumi e una rete di distribuzione attiva in ogni continente. L’azienda è specializzata nella realizzazione di cisterne per i carburanti e i liquidi in acciaio e in plastica, con serbatoi che possono contenere da poche decine fino a decine di migliaia di litri, e in numerosi dispositivi tecnologici che permettono di sovrintendere ai rifornimenti». —