Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Serramazzoni, ladri dall’imprenditore Neri: presi due fratelli

Si erano introdotti nella villa del noto costruttore edile. Hanno 19 e 17 anni. Arrestati dai carabinieri grazie al giardiniere

SERRAMAZZONI. Presi con le mani nel sacco mentre stavano facendo razzia un po’ di tutto. È andata male ai due ragazzi che avevano pensato di dedicare il pomeriggio di giovedì al saccheggio, a Serra, della villa del noto imprenditore Alfonso Neri, conosciutissimo sul territorio per numerosi interventi edilizi, e non solo. I carabinieri del Radiomobile di Pavullo li hanno sorpresi e arrestati in flagranza di reato: si tratta del 19enne D.A. e del fratello 17enne, entrambi domiciliati in paese ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

SERRAMAZZONI. Presi con le mani nel sacco mentre stavano facendo razzia un po’ di tutto. È andata male ai due ragazzi che avevano pensato di dedicare il pomeriggio di giovedì al saccheggio, a Serra, della villa del noto imprenditore Alfonso Neri, conosciutissimo sul territorio per numerosi interventi edilizi, e non solo. I carabinieri del Radiomobile di Pavullo li hanno sorpresi e arrestati in flagranza di reato: si tratta del 19enne D.A. e del fratello 17enne, entrambi domiciliati in paese ma nati e cresciuti in Germania, da dove sono rientrati di recente con una storia turbolenta alle spalle. Hanno preso di mira la seconda casa dell’imprenditore in via Montegrappa (Serrapineta), vedendola chiusa e quindi confidando di agire indisturbati visto che anche nelle altre case intorno non c’era nessuno.

Non si sono accorti però che la casa era protetta da allarme e sotto vigilanza. Hanno fatto irruzione rompendo la finestra della sala da pranzo a piano terra, e una volta dentro hanno cominciato a perlustrare prendendo le prime cose alla portata: una ventina di bottiglie di vino pregiato da collezione (valore non meno di 2mila euro) e uno stereo con le casse. Non si sa se per fame o meno, ma non hanno lasciato indietro neanche quattro pacchetti di patatine Fonzies e merendine, dedicando attenzione anche a un numero considerevole di caramelle in bustine. Mentre si concentravano su tutte queste cose però l’antifurto aveva fatto il suo dovere, avvisando l’82enne Neri che ci potevano essere visite indesiderate. Poteva anche essere un malfunzionamento del sistema, ma lui ha pensato bene di avvertire subito il giardiniere-custode, chiedendogli se poteva andare a dare un’occhiata. Lui l’ha fatto arrivando senza far rumore e, quando ha visto luci all’interno, ha resistito alla tentazione di entrare (i due sarebbero scappati subito) e ha avvertito i carabinieri, che sono arrivati nel giro di pochi minuti col Radiomobile sorprendendo e bloccando i due ladri mentre stavano facendo i mucchietti della roba da portar via: chissà quant’altro potevano prendere se la “festa” non fosse bruscamente finita.

Il 17enne è stato portato al Centro di prima accoglienza per minori di Bologna, il 19enne ha trascorso la notte in carcere a Pavullo e ieri mattina ha subito la direttissima: in attesa del processo (ha chiesto termini a difesa) il giudice ha convalidato l’arresto imponendogli obbligo di dimora e di firma a Serra. Refurtiva tutta recuperata e riconsegnata al proprietario. —