Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ritornano i “vampiri” di carburante Rubati 10500 litri

Nuovi assalti ai distributori di carburante dopo quelli avvenuti nella primavera scorsa e nei mesi estivi che hanno tenuto sotto scacco alcuni impianti a Carpi e nella bassa. I malviventi, questa...

Nuovi assalti ai distributori di carburante dopo quelli avvenuti nella primavera scorsa e nei mesi estivi che hanno tenuto sotto scacco alcuni impianti a Carpi e nella bassa.

I malviventi, questa volta, sono entrati in azione a Carpi e a Soliera.

I titolari dei distributori hanno cercato di attivare l’impianto, ieri mattina, ma non hanno potuto fare altro che constatare che non era funzionante. Così, dopo ulteriori accertamenti hanno verificato che i depositi erano stati prosciugati. Comples ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

Nuovi assalti ai distributori di carburante dopo quelli avvenuti nella primavera scorsa e nei mesi estivi che hanno tenuto sotto scacco alcuni impianti a Carpi e nella bassa.

I malviventi, questa volta, sono entrati in azione a Carpi e a Soliera.

I titolari dei distributori hanno cercato di attivare l’impianto, ieri mattina, ma non hanno potuto fare altro che constatare che non era funzionante. Così, dopo ulteriori accertamenti hanno verificato che i depositi erano stati prosciugati. Complessivamente sono stati rubati circa 10500 litri di benzina.

Sui due furti avvenuti nella notte indagano i carabinieri della Compagnia di Carpi.

Presso la stazione di servizio di Soliera non ci sono telecamere mentre quelle di Carpi sono state oscurate dai malviventi attraverso una busta di plastica. I ,ilitari consigliano prudenza e raccomandano ai gestori di potenziare le misure di protezione dei depositi poiché non è possibile escludere altri colpi ai danni di queste attività.

Nei casi precedenti venivano assaltate, invece, le colonnine dei distributori per portare via il denaro che vi veniva depositato. I ladri utilizzavano un piede di porco per raggiungere il proprio obiettivo. —