Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Grande commozione per il 38enne morto

BOMPORTOÈ ancora in Medicina Legale a Modena la salma di Monir Grida. Il 38enne italo tunisino deceduto sulla sua Yamaha giovedì alle 20,30 in via per Modena, a pochi metri da dove abitava, a seguito...

BOMPORTO

È ancora in Medicina Legale a Modena la salma di Monir Grida. Il 38enne italo tunisino deceduto sulla sua Yamaha giovedì alle 20,30 in via per Modena, a pochi metri da dove abitava, a seguito del tamponamento con una Opel Corsa e poi dello schianto con una Ford Mondeo. Monir è morto in ambulanza, per le gravi ferite riportate, prima di arrivare in ospedale. Sulle dinamiche che hanno portato il centauro a perdere il controllo della sua moto indaga la locale polizia municipale. Anche s ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

BOMPORTO

È ancora in Medicina Legale a Modena la salma di Monir Grida. Il 38enne italo tunisino deceduto sulla sua Yamaha giovedì alle 20,30 in via per Modena, a pochi metri da dove abitava, a seguito del tamponamento con una Opel Corsa e poi dello schianto con una Ford Mondeo. Monir è morto in ambulanza, per le gravi ferite riportate, prima di arrivare in ospedale. Sulle dinamiche che hanno portato il centauro a perdere il controllo della sua moto indaga la locale polizia municipale. Anche se tra le probabili cause potrebbero esserci l’asfalto scivoloso e la scarsa visibilità per il violento nubifragio di giovedì sera. Grida, che lavorava sia come geometra che alle Poste e come insegnante di danze caraibiche, lascia la fidanzata ed un figlio 18enne, Gabriele, avuto da una precedente relazione. Commovente il cordoglio degli amici: “Era un gran bravo ragazzo. Il figlio è distrutto: erano molto legati. Per Monir era il “suo bambino”, quasi un amico”.

V.C.