Modena. Ecco “Piazza Grande” l’area multi servizi aperta ai cittadini

A piano terra di palazzo comunale l'ufficio informazioni per i turisti e per chi cerca lavoro, maxi schermi L’assessore Bosi: «Abbiamo rigenerato un pezzo di centro»



MODENA. Arriva la nuova “Piazza Grande”, il centro al piano terra di Palazzo comunale che rinnova gli spazi e i servizi offerti soprattutto tramite l’Informagiovani, l’Europe Direct e l’Ufficio relazioni con il pubblico. Ieri l’inaugurazione alla presenza del sindaco Gian Carlo Muzzarelli - e mezza giunta, gli assessori Carla Ludovica Ferrari, Andrea Bosi, Irene Guadagnini - del luogo utilizzato da centomila persone l’anno, riorganizzato e aperto sempre più al digitale e alla banda larga.



Che i servizi qui attivi - da trent’anni, uno dei primi esempi italiani - siano utili lo dimostrano due giovani modenesi che in questi anni si sono rivolti a “Piazza Grande” prima di intraprendere percorsi internazionali.

Sono due esempi i percorsi formativi di due ragazzi modenesi, Carlo Miani e Simone Grassi che si erano in passato rivolti a questo centro in piazza. Miani negli ultimi anni ha prima svolto un tirocinio in Svezia durante l’Erasmus, trovando anche un lavoro e poi ha approfondito lo studio a Creta.

Modena, arriva Piazza Grande: un servizio per giovani, turisti e per chi cerca lavoro

Anche Grassi è partito da Modena per sbucare in Europa, svolgendo lo scorso anno il servizio civile europeo in Spagna. Il sindaco Muzzarelli ieri ad apertura del restyling, oltre a definire la propria “una giunta di qualità” ha spiegato: «Piazza Grande è l’esempio di come vogliamo il Comune: aperto ai cittadini, alla informazione, alla conoscenza. Stiamo investendo sul futuro perché Modena è in movimento riguardo le necessità della comunità». Il centro è appunto molto frequentato, i contatti con il servizio relazioni con il pubblico sono stati 84mila mentre l’informagiovani nel corso dei decenni è stato utilizzato da circa 600mila persone.

Gli assessori Ferrari (Smart city) e Guadagnini (Politiche giovanili) spiegano: «Questo è un luogo molto importante della città e i modenesi sono protagonisti di questo spazio rinnovato con tantissimi servizi digitali. Il rinnovo arriva dopo 25 anni».

Infine l’assessore Andrea Bosi, Centro storico: «Qui, in pieno sito Unesco abbiamo un altro pezzo del centro rigenerato, una porta di accesso al Comune che unisce informazione e conoscenza». L’area a due passi dall’ufficio turistico (spesso i turisti confondono i due luoghi) presenta una serie di spazi per seminari, maxischermi e un’area wifi ad alta velocità dove è possibile trovare una serie importante di servizi tra cui informazioni sulla vita della città, informazioni su lavoro, formazione, Europa, opportunità di conoscenza riguardo la vita pubblica, un punto d’ascolto per segnalare i problemi della città, l’orientamento personalizzato nei percorsi formativi, assistenza di accesso ai servizi online della pubblica amministrazione come ad esempio l’accesso ai servizi anagrafici, all’iscrizione scolastica e al fascicolo sanitario elettronico.

A ciò si aggiungono i servizi dell’Informagiovani - per l’orientamento su studio e formazione professionale, servizio civile universale, lavoro, vita sociale, tempo libero e vacanze-studio all’estero - e di Europe Direct con notizie sulla Ue, il lavoro e il servizio di volontariato all’estero (orari di apertua lunedì e giovedì 9-18.30, martedì, mercoledì, venerdì e sabato 9-13). —

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI