Contenuto riservato agli abbonati

Modena, fermato l'assassino della donna abbandonata in un fosso

Il cadavere ritrovato in una strada di campagna ai Mulini Nuovi. Carabinieri e polizia fermano il sospettato.

Omicidio, la confessione del 41enne di Pavullo

MODENA Era completamente nuda. Il corpo giaceva rannicchiato alla fine del fosso di scolo agricolo, contro la carreggiata di Stradello Toni. Accanto a lei vestiti accatastati. Nessun documento. Nessun indizio iniziale per capire chi era e da dove l’avevano trasportata fino a quello spiazzo di campagna aperta, alle porte di Modena, nella zona dei Mulini Nuovi.

Si sa però chi l’ha uccisa con diversi colpi alla testa: dell’omicidio si è auto-accusato Leopoldo Scalici, 40enne originario di Pavullo che si è costituito presso i carabinieri della Compagnia del Frignano ed è stato poi accompagnato, intorno alle 18.30, in Procura a Modena dove è stato a lungo sentito dal pubblico ministero Maria Angela Sighicelli, titolare dell’indagine. Intorno alle 21 l’uomo è stato trasportato all’esterno dal personale della Squadra Volante e dai militari, che nel corso della nottata hanno di fatto chiuso le indagini, trasferendolo in carcere a Sant’Anna. L’accusa che gli viene mossa è di quelle pesanti: omicidio volontario aggravato.

Donna uccisa, sul luogo del ritrovamento

IL MOVENTE Leopoldo Scaligi è personaggio noto a Pavullo. Un uomo problematico a causa dell’uso di sostanze stupefacenti. Risulta vivere con la famiglia, ma di fatto è senza fissa dimora. Sabato è sceso in città, o meglio è andato a Sassuolo per farsi prestare un furgone cabinato da un amico. Poi ha fatto tappa alla Bruciata dove ha caricato una donna nigeriana. Non era ancora mezzanotte. Voleva avere un rapporto sessuale a pagamento, ma qualcosa in quel momento non ha funzionato. Lui - stando alle informazioni che ha rivelato agli investigatori in Procura durante quasi due ore di confessione - non era soddisfatto e ne è nata una lite poi degenerata. Ha afferrato un oggetto contundente custodito nel furgone (che sarà sequestrato per accertamenti necessari per individuare ulteriori riscontri scientifici) e ha colpito la vittima più volte alla testa fino ad ucciderla. I carabinieri hanno accertato come la 40enne sia stata uccisa con dei colpi di morsa da tavolo, un oggetto molto pesante utilizzato dagli artigiani. E sempre guidando in città, Scalici è arrivato fino alla zona dei Mulini Nuovi dove ha abbandonato il cadavere ("L'ho gettato", ha detto testualmente ai carabinieri del Nucleo Operativo di Pavullo) e si è preoccupato anche di sbarazzarsi dei vestiti della prostituta, lasciata con solo l’intimo addosso. Ma l’indagato pavullese ha anche pensato di coprire ogni possibile traccia presente nel furgone. Si è infatti fermato in una stazione di lavaggio e ha tentato di ripulire alla meglio ciò che pensava potesse essere sospetto, eventuali tracce di sangue o residui sulla tappezzeria. Poi è tornato a casa dall’amico, che al momento risulta all’oscuro della macabra notte di cui ha avuto notizia soltanto quando i carabinieri si sono presentati ieri per effettuare il sequestro.

Scalici, da Sassuolo, è quindi rientrato a Pavullo dove ha capito che la Polizia stava indagando sul ritrovamento del misterioso cadavere, scoperto da un passante nel fossato. Cosa lo abbia spinto a costituirsi non è ancora dato sapersi, fatto sta che a metà pomeriggio si è presentato in caserma e ha chiesto di poter parlare, rendendo le prime, sommarie informazioni. E quando la situazione si è fatta piuttosto chiara, ecco la decisione dei carabinieri di accompagnarlo in Procura di fronte al pubblico ministero che per tutta la giornata aveva seguito da vicino gli accertamenti scientifici effettuati dalla Squadra Mobile in Stradello Toni. Tra i reperti raccolti ci sono anche diverse riprese registrate dalle numerose telecamere di sicurezza, che dovrebbero svelare nel dettaglio tutti i movimenti effettuati dal 40enne in città, fino al crudele abbandono della vittima in campagna. —