Ilario Tamassia: Il “custode” del mito di Maria Callas

«Tutto cominciò con un sogno premonitore e con una telefonata per conto della governante di Battista Meneghini  Oggi ho migliaia di pezzi che sto cercando di archiviare e che mi piacerebbe potessero diventare patrimonio pubblico»