Carpi. Articolo pro Salvini sul settimanale della Diocesi, allontanato il direttore

«Il Popolo ha scelto uno fidato. Se Matteo non molla può ancora salire». L'articolo era a firma 'Ercamo', sigla utilizzata da don Ermanno Caccia, direttore della rivista nonché parroco di Mortizzuolo. L'editore i contenuti «non rappresentano la linea editoriale del giornale, improntata ad assoluta equidistanza ed indipendenza di giudizio

CARPI. Bufera a Carpi  per un articolo sul settimanale diocesano con commenti ai risultati elettorali della Lega di Matteo Salvini, pezzo costato le dimissioni al direttore della rivista che lo ha siglato e dal quale la società editrice ha preso le distanze.

A scatenare polemiche l'articolo pubblicato all'indomani dei risultati delle elezioni europee su 'Notizie', il settimanale diocesano locale, di cui un passaggio recitava «Il Popolo ha scelto uno fidato. Se Matteo non molla può ancora salire».

L'articolo era a firma 'Ercamo', sigla utilizzata da don Ermanno Caccia, direttore della rivista nonché parroco di Mortizzuolo. «Intendo smentire qualsivoglia coinvolgimento, controllo preventivo e condivisione dell'editore nella suddetta opinione», ha detto don Caccia lasciando l'ufficio stampa e parlando dell'articolo.

«Constatata la levata di scudi 'strumentale', amareggiato e colpito da tanto clamore, con serenità e in coscienza sono a rassegnare le dimissioni da direttore del settimanale diocesano».

I contenuti dell'articolo 'Perché? L'opinione', fa sapere il Cda della Arbor Carpensis, società editrice del settimanale della Diocesi «non rappresentano la linea editoriale del giornale, improntata ad assoluta equidistanza ed indipendenza di giudizio rispetto ad ogni vicenda politica sia locale sia nazionale. Né tanto meno, si conferma con forza, interpretano il pensiero della diocesi e del suo vescovo», Francesco Cavina.