Bellelli riconfermato sindaco di Carpi: stravince sulla Boccaletti con il 61,8%

Ha seguito lo spoglio in Comune: «La sfida non si ferma qui. Faremo grandi cose, a partire dal nuovo ospedale»

CARPI. Alberto Bellelli è stato riconfermato sindaco di Carpi. L’esponente del Pd vince la sfida con Federica Boccaletti, che rappresentava il centrodestra, arrivando a quota 61,84% (70 sezioni scrutinate su 74 al momento di andare in stampa). Bellelli ha seguito lo spoglio dal Comune ed è stato un fiume in piena già a cavallo della mezzanotte, con le prime dichiarazioni post-vittoria: «Abbiamo passato momenti che avrebbero steso un rinoceronte in corsa - ha detto a caldo riferendosi all’indagine - ma la nostra sfida non si esaurisce stasera. Ripartiremo da qui per fare grandi cose per la città: andremo avanti col percorso del nuovo ospedale, che è il primo impegno che ci siamo presi. E permettetemi di ringraziare tutti coloro che hanno dato una mano in questa campagna difficilissima».



Una data che rimarrà scolpita nella storia, quella di ieri, con la città che ha vissuto il suo primo ballottaggio. Eppure, i cittadini che hanno voluto cogliere l’opportunità di esprimere il proprio voto sono stati meno rispetto al primo turno del 26 maggio. Una delle sfide più insidiose dei due candidati Alberto Bellelli (Centrosinistra) e Federica Boccaletti (Centrodestra) era quella di riuscire a intercettare quel quasi 30% di astenuti della tornata scorsa, insieme ai voti del M5s e della civica Carpi futura. Tuttavia, l’astensione ieri è addirittura aumentata, e i dati diffusi nelle due rilevazioni intermedie prima di quella finale delle 23, hanno confermato questo trend. L’affluenza definitiva si attesta a quota 52,33%, contro il 70,44% del primo turno, che in termini di voti assoluti significa diecimila persone in meno ai seggi: 38.071 contro 28.284. Uno stacco, quello dell’affluenza, di quasi 20 punti percentuali, che ha moltiplicato i Whatsapp e gli appelli al voto sui social, soprattutto da parte di esponenti del Centrodestra. Tanti, inoltre, in svariate sezioni, gli elettori che si sono accorti, a voto ultimato, di avere barrato il simbolo e non il nome del candidato. Riguardo a ciò, tra i presidenti di seggio si sono diffuse più scuole di pensiero: c’era chi voleva annullare le schede, mentre chi riteneva l’indicazione di voto valida.

Dopo la vittoria per Alberto Bellelli è il momento di pensare alla squadra che lo affiancherà nei prossimi cinque anni. Innovazione e competenza: questi i criteri del sindaco riconfermato nella scelta degli assessori. Certa Stefania Gasparini all’Istruzione, mentre tra le new entry dovrebbero esserci la sindacalista Tamara Calzolari, e Paola Ruggiero, con una brillante carriera come bancaria. Tra i papabili anche Giovanni Taurasi, che ha curato molti aspetti della lista civica Laboratorio Carpi. —