Grandemilia, crolla un controsoffitto

Modena. All’ingresso dell’Oviesse: area isolata dopo la caduta delle prime gocce, clienti evacuati dalle uscite d’emergenza

MODENA Nessun ferito, solo qualche momento di comprensibile apprensione, tra acqua che scrosciava dal soffitto e alcune “mattonelle” di controsoffitto che, a causa del peso dell’acqua, sono crollate proprio sopra l'ingresso del negozio. È accaduto ieri pomeriggio all’Oviesse, la fornita rivendita di abbigliamento che si trova all’interno dell’ipermercato Grandemilia, nel lato più vicino alla via Emilia Est. . Ancora una strisciata di maltempo in città, questa volta solo acqua e fortunatamente niente grandine. La strisciata che ha preso in pieno la zona fieristica per continuare in quella di via Sant’Anna e quartiere Sacca, ha investito anche il Grandemilia. A pagare per tutti è stata l’Oviesse, che verso le 18, quando il forte acquazzone si è scatenato furiosamente, aveva all’interno, come sempre, parecchia clientela.

Ai primi goccioloni che, come accedeva all'esterno, hanno cominciato a cadere con potenza all’ingresso del negozio, è come se fosse scattata una proceduta emergenza. Come ha spiegato un responsabile dell’Oviesse, personale della rivendita, la clientela e ovviamente anche i passanti che si trovavano in zona a percorrere la galleria, hanno iniziato a notare che dal soffitto, proprio sopra all’ingresso principale dell’Oviesse, cadevano goccioloni in modo sempre più copioso.


A questo punto l’acceso è stato bloccato, personale ed addetti hanno prontamente transennato l'area circostante, ponendo birilli e nastro con strisce bianco e rosse, a delimitare il perimetro della zona proibita. A questo punto, con molto ordine, e senza che nessun altro potesse accedere all'interno della rivendita, il personale dell’Oviessa ha radunato i clienti rimasti all'interno e li ha fatti uscire dalle porte d’emergenza. Tutta l'operazione si è svolta in modo ordinato, senza situazioni di panico o quant'altro. Nel frattempo la situazione all’ingresso si era aggravata: il peso dell’acqua che proveniva dal tetto ha fatto crollare alcuni pannelli (mattonelle quadrate) del controsoffitto. Pannelli che, nelle successive operazioni di pulizia, sono stati asportati in abbondanza per non incappare in eventuali altri crolli inattesi. Per la prontezza delle operazioni di sicurezza, il crollo non ha causato alcun ferito. La copiosa infiltrazione d'acqua che ha portato anche ai crolli pare sia dovuta ad una o più canaline del tetto che, per l’abbondanza di pioggia caduta in così breve tempo, non sono riuscite a smaltire il volume d’acqua.

A causa quindi della pendenza il tutto si è incanalato in quel tratto, causando il danno. —



BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.