E Martino d’Asburgo fa il turista alla Reggia