Maranello: «Mio padre travolto sulle strade di casa»

È Vincenzo Spitaleri, 82 anni, fondatore di Eros Confezioni l’uomo travolto sull’Estense. Era uscito per una passeggiata



«Mio padre era uscito di casa per fare una passeggiata, come aveva fatto tante altre volte. E ha attraversato quella strada dove era passato ancora ...»


È di poche parole Marco Spitaleri , il figlio del pensionato di 82 anni travolto mercoledì sera mentre stava attraversando la Nuova Estense a Pozza di Maranello.

L’anziano, in pensione da anni, è stato investito da una Volvo condotta da un guidatore di 45 anni che procedeva da Modena verso Pavullo. L’urto è stato frontale e Spitaleri è finito sull’asfalto battendo violentemente il capo. Ogni soccorso è stato inutile ed è morto durante il trasporto in ospedale.

Sulla salma, come procedura obbligata in questi casi, è stata disposta l’autopsia.

Nel frattempo ieri sera si è tenuto un rosario nella chiesa parrocchiale di Pozza e un altro si terrà stasera alle 20.

Vincenzo Spitaleri era molto conosciuto non solo nella frazione alle porte di Maranello ma in tutta la provincia. Arrivato a Modena dalla Sicilia nel 1969 aveva subito allestito un laboratorio di sartoria di altissmo livello che in pochi anni è diventato un punto di riferimento per chi amava i completi e i capi spalla femminili di buona fattura.

La sua fama e la sua energia nel lavoro hanno portato, anno dopo anno, a far crescere la ditta. La Eros Confezioni è arrivata così ad avere sino a una quindicina di occupati, tutte maestranze specializzate in capi di sartoria e di alta moda per le maggiori aziende della provincia. Oggi la sua attività è continuata dal figlio Marco, 52 anni, che porta avanti la ditta di famiglia nonostante le difficoltà di chi deve affrontare un settore difficile e competitivo come quello della moda.

«Aveva nel sangue la passione dell’abito ben fatto, il talento dell’artigiano competente sino alla fine del suo lavoro - racconta - Era arrivato dalla Sicilia dopo aver percorso tutti i gradini, partendo dalla gavetta. E qui a Pozza, passo dopo passo, ha ingrandito la sua attività. In paese lo conoscevano tutti e anche a Maranello anche, perchè da subito si è impegnato nella Cna e ha svolto per la categoria tanto lavoro. La sua era una presenza insostituibile. Io stesso ho imparato il mestiere al suo fianco, e ne sono orgoglioso perchè la sua passione era contagiosa. Tanto per fare un esempio vorrei ricordare che sino a due anni fa era con noi in azienda anche se aveva passato la mano per la gestione della ditta da molto tempo».

Anche Marco Spitaleri è molto conosciuto a Maranello, dove una decina di anni fa è stato nominato presidente della Cna. Eletto nella scorsa legislatura in consiglio comunale nelle liste del Pd è stato ricandidato per la seconda volta ma non è stato rieletto.

Da quando è successo l’incidente l’altra sera ha ricevuto tante attestazioni di cordoglio e di vicinanza per l’accaduto.

Vincenzo Spitaleri era sempre attivissimo, lucido e pronto da re consigli in ogni situazione. —