Castelfranco. La via Emilia torna terra di commercio. Due nuovi market sognando il fast food

Cantieri aperti per Lidl e In’s con novità anche per la viabilità. E all’imbocco della tangenziale spunta l’abside di una chiesa

CASTELFRANCO. Se è vero che la via Emilia è da secoli arteria necessaria per i collegamenti tra città, le ultime novità imprenditoriali che si stanno sviluppando in paese dimostrano l’importanza di una strada che non passa mai di moda con tutte le conseguenze del caso, traffico compreso. Ma Castelfranco, che sta vivendo una fase economicamente molto florida, continua ad attrarre investimenti ed evidentemente ritiene vi sia un ampio spazio imprenditoriale per inserirsi nel tessuto economico locale.

La dimostrazione? Basta imboccare la via Emilia per assistere a tre imponenti cantieri che si stanno sviluppando. All’imbocco della tangenziale si possono notare le reti di arancioni, nessuno è al lavoro ma non perché il cantiere è fantasma bensì, movimentando terra, è tornata alla luce l’abside di una vecchia chiesa, che ha imposto una frenata preventiva. Comune, proprietà e Sovrintendenza sono in una fase di confronto che potrebbe concludersi a breve e ridare slancio ad un insediamento che accoglierà un discount, sognando inoltre l’arrivo di un’importante catena di fast food. «L’operazione ci permetterebbe di allungare la pista ciclopedonale», auspica il sindaco Gianni Gargano.


Poco più in là, a ridosso della azienda meccanica Omg, le ruspe e i camion stanno lavorando a ritmi altissimi. Se tutto dovesse procedere nel migliore dei modi a primavera arriverà l’inaugurazione del nuovo Lidl che porterà con sé anche una rotatoria utile a smaltire il traffico in eccesso.

Proseguendo sull’immaginaria linea stradale, un pit-stop è necessario nei pressi del torrente dove sarà la In’s a creare un polo alimentare che porterà in dote l’intera riqualificazione della zona visto che sorgerà un campetto di calcio a 5 con annessi spogliatoi in grado di ospitare anche squadre di calcio a 11. Un’ipotesi progettuale che lascia intendere come l’amministrazione comunale veda di buon occhio - per il futuro - la creazione di un nuovo polo sportivo utile all’intera città.

E per completare le novità commerciali di medie dimensioni, non si può scordare come la Conad di via Piella sarà delocalizzata all’interno del Forte Urbano e anche la Coop accoglierà un’imponente rivisitazione degli spazi interni e soprattutto di quelli esterni con l’ampliamento dei parcheggi e la creazione di una rotatoria in via Nenni. I lavori partiranno a breve e coinvolgeranno anche la cabina elettrica, che sarà demolita, mentre una nuova pista ciclabile dovrebbe incentivare una nuova mobilità sempre più propensa ad arrivare verso il centro della città. —