Manifesti rotti, inviti al suicidio Vandali contro Stefano Lugli

Scritte e cartelloni strappati a Bologna e a Mirandola Il candidato della sinistra: «Non facciamoci intimorire»