Strappano collane ai concerti trap: presi due modenesi

Sono un 22enne e un minore residenti nella nostra provincia Sei colpi a Trento in discoteca a una serata di Guè Pequeno

MODENA. Non è bastava la terrificante scoperta della banda di giovanissimi che da Modena partiva per razziare i coetanei ai concerti trap e rap nelle discoteche d’Italia, compresa la Lanterna Azzurra di Corinaldo proprio nella sera della strage (tutti in carcere, per tutti la richiesta di processo con rito immediato). Ora arriva la notizia di un duo di rapinatori che partendo da Modena colpiva con una tecnica simile, anche se non utilizzando lo spray urticante, e che ora è indagato per sei colpi compiuti a un recente concerto di Guè Pequeno in una nota discoteca a Trento Nord.

Le indagini si sono conclude in Questura a Trento quando gli uomini della Squadra Volante locale hanno inviato in Procura un fascicolo per indagare due ragazzi, un maggiorenne di 22 anni e un minorenne di 17, entrambi di origini straniere (uno filippino, l’altro marocchino), provenienti dalla provincia di Modena (la polizia non ha voluto dire da quali Comuni provengono né nulla sulla loro identità) i quali con una tecnica consolidata strappavano le collane in oro di ragazzi presenti in una nota discoteca di Trento Nord durante un concerto di Guè Pequeno, trapper con un pubblico spesso preso di mira da queste bande.


I due lavorando in coppia, si avvicinavano alla potenziale vittima che, intenta a ballare ed a guardare il rapper sul palco, non si accorgeva della presenza alle sue spalle dei ladri. Uno di loro alzava il telefonino facendo finta di riprendere il palco, mettendosi perfettamente dietro la vittima. Dopo averla indicata al complice, quest’ultimo da dietro, allungando una mano sul collo, strappava la collana. La vittima, seppur girandosi immediatamente, non aveva la possibilità di vedere l’autore in quanto coperto dal complice.

Durante il concerto, un giovane, accortosi di quanto stava accadendo, oltre a riprendere con il suo telefonino i due malviventi, ha avvertito la sicurezza della discoteca. I due ragazzi sono stati trovati in possesso di ben sei collane in oro. Quattro di queste sono state restituite ai legittimi proprietari mentre due sono state sequestrate e sono custodite in Questura a Trento. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA