Osteria Morane. Aperitivi di pesce ma anche piatti tipici modenesi 

L’osteria Morane di Modena propone la tradizione a tavola con incursioni in portate a base di ricette di mare con servizio bar dalle 7



Si è trasferito a Modena per amore dalla sua Puglia e di quella terra ha portato all’ombra della Ghirlandina le ricette a base di pesce, la solarità e la voglia di fare tanta buona ristorazione. Marcello Caliandro ha aperto un bar, una pizzeria e un ristorante: tutte queste identità sono ricoperte dall’osteria Morane con specialità a base di pesce, cucina tradizionale, gnocco e tigelle. Il locale ideale per ospitare eventi quali cene aziendali, cresime o comunioni: appuntamenti con ospiti fino a 100-130 invitati. Lo staff del locale è composto da: cuoco, lo chef Riccardo Tucci, pizzaiolo e camerieri. «Siamo aperti da ottobre dello scorso anno - spiega Marcello Caliandro - Partiamo alle 7 del mattino con le prime colazioni, per arrivare alla ristorazione con pranzo, aperitivi, cene, siamo sempre aperti fino a mezzanotte. Il menù è molto ampio: partiamo dal tradizionale, con gnocco e tigelle, tortellini e tortelloni fatti da noi, primi e secondi di pesce. Il pesce va molto, qui a Modena. Per quanto riguarda il gnocco il nostro impasto lo rende gonfio e morbido».


Tra i piatti di pesce, i più “gettonati” sono: il risotto con gamberi di Mazara dl vallo, linguine agli scampi, tortelloni balck e white, bianco e nero, ripieni con il nero di seppia. «Si arriva, poi, al tonno scottato, alla grigliata mista, al baccalà in tempura come antipasto, uno dei nostri piatti forti, tonno fresco alla griglia fatto al naturale, abbiamo scoperto inquadrare i gusti dei modenesi - aggiunge Caliandro - Insomma, abbiamo tantissimi piatti che ci vengono richiesti. Le materie prime ci arrivano qui fresche. Oggi al mercato si trova un po’ di tutto, ma noi siamo sempre molto attenti a qualità e freschezza del prodotto».

Anche l’aperitivo è apprezzato al locale: entra nel vivo alle 10 per poi proseguire al pomeriggio. «Il bar e il ristorante sono nello stesso locale, ma “viaggiano” separatamente, si possono fare aperitivi a base di pesce, salumi o formaggi - conclude Marcello - Ho sempre svolto il mestiere di ristoratore, in Puglia avevo un ristorante che proponeva cucina di pesce. Poi mi sono trasferito per amore della mia ragazza. Al ristorante si può assaggiare qualche ricetta pugliese, come le orecchiette con cime di rapa fresche, ma come fuori men. Ricordiamo che siamo sempre disponibili per eventi: riusciamo a ospitare fino a 100 a 130 persone». —