Regionali/ Borgonzoni  e il confronto disertato: "Io non scappo faccio 6 confronti"

Lo sostiene, con un post su Facebook, Lucia Borgonzoni, a proposito dei confronti. «Se poi il mio candidato si rivende come disertati appuntamenti mai fissati come quello di Sky Tg24 - beh... lo sappiamo, questi sono del PD, che ci volete fare».

BOLOGNA «Bonaccini continua a insistere, in modo ormai stucchevole su mie presunte fughe dai dibattiti. Dopo il confronto diretto avuto su Rai Tre dalla Berlinguer, vi do appuntamento a due nuovi dibattiti previsti martedì prossimo: alle 15 in diretta Facebook su Il Resto del Carlino, alle 21 su Ètv. A questi si aggiungono le due Tribune elettorali RAI già andate in onda e un'altra la settimana prossima, per un totale di sei occasioni di incontro! Capitelo, pensa di poter recuperare lo svantaggio...». Lo sostiene, con un post su Facebook, Lucia Borgonzoni, a proposito dei confronti. «Se poi il mio candidato si rivende come disertati appuntamenti mai fissati come quello di Sky Tg24 - beh... lo sappiamo, questi sono del PD, che ci volete fare».

Una risposta, quella sulla polemica che sembra avere messo in difficoltà la candidata che è accusata di non saper sostenere alcun confronto politico faccia a faccia con gli avversari, e per questo continua a mandare avanti il suo leader Matteo Salvini.

La polemica è nata la sera del 15 gennaio quando  il suo principale avversario Bonaccini supportato a breve termine dal portabandiera dei Cinque Stelle Benini l'avevano accusata di essere fuggita dall'importante occasione di un confronto a livello nazionale su Sky Tg 24, in teoria vetrina di primo piano per chi vuole dimostrare che le proprie idee e il proprio programma di governo della regione Emilia Romagna è decisamente migliore di quello dei contendenti.

Per l'intera giornata del 16 gennaio Borgonzoni è stata silente sul tema, mentre sui social cresceva l'onda polemica su questa sua tendenza ad essere una candidata fantasma o nascosta, fino al post pubblicato in serata, in cui cerca di accusare gli avversari di essere nervosi.

Normali turbolenze da campagna elettorali. E già si attende il prossimo botta e risposta.