Contenuto riservato agli abbonati

Castelvetro, un residence sotto assedio dei ladri

Svaligiati tre alloggi in una sera saltando sui balconi: «Questa era una zona tranquilla. Il controllo di vicinato non è servito»

CASTELVETRO. Ladri in azione in via Martiri della libertà sabato sera. Ladri che, in un colpo solo, e nel giro di pochissimo tempo, hanno fatto irruzione in ben tre appartamenti. Ad essere stato preso di mira, infatti, è stato un residence di cui fanno parte dodici abitazioni. Tutte con ingresso indipendente, ma comunque vicine tra di loro: nonostante ciò, i malviventi sono riusciti a raccogliere indisturbati il loro bottino, senza che nessuno si accorgesse di nulla. Al momento del furto, infatti, avvenuto presumibilmente tra le 18.30 e le 19.30, i tre appartamenti svaligiati erano vuoti, mentre in tutti gli altri erano presenti i relativi inquilini e proprietari, che stavano trascorrendo il sabato sera tra le mura domestiche ignari di quello che stava accadendo a pochi metri da loro.

«Io ero in casa - racconta Tania Bazzani, referente del condominio - eppure non ho sentito nulla. Abbiamo anche tre cani qui nel residence, che di solito abbaiano anche se uno starnutisce, eppure non hanno mostrato segni di agitazione. Ci chiediamo come possa essere successo». I carabinieri, arrivati subito sul posto, hanno fatto i primi rilievi proprio per cercare di capire la dinamica dell’irruzione. Una prima ipotesi, è che i malviventi si siano arrampicati dalle grondaie su un balcone al primo piano.


Lì, avrebbero rotto le finestre, riuscendo quindi ad entrare, ma non trovando molto: l’abitazione, infatti, è in attesa di essere affittata e dunque disabitata. Insoddisfatti, poi, i ladri hanno raggiunto il balcone di un altro appartamento adiacente. In questo caso, i proprietari sono stati più sfortunati, perché al loro rientro hanno trovato tutti i cassetti rovesciati e, all’appello, mancavano oro e contanti.

«A quel punto - continua Bazzani - sono andati giù per la scala interna, lasciando anche delle impronte di fango e, rompendo una finestra, sono entrati in un appartamento al pianterreno. Gli inquilini si sono trasferiti da poco, quindi per ora hanno solo pochi mobili, e sembrerebbe che da lì, i ladri, non abbiano portato via nulla». Quello che non si riescono a spiegare i residenti, è come sia stato possibile che nessuno di loro abbia sentito né visto nulla. «È una zona tranquilla questa - aggiunge Bazzani - e ci siamo sempre sentiti molto al sicuro. Abbiamo attivo il controllo di vicinato, e pensavamo che fosse maggiormente efficace. Abbiamo anche creato da un po’ di tempo un gruppo su Whatsapp in cui ci teniamo aggiornati sulle situazioni sospette. Che, comunque, sono sempre molto poche, qui. Sabato, invece, non è stato così».

Forse esperti, è probabile che i giorni scorsi i ladri abbiano tenuto sotto controllo il condominio e, non appena è stato il momento, hanno agito in totale tranquillità. —