Il videogioco preferito? Ovviamente “Brawl Stars”

Un sondaggio tra le classi delle scuole medie Calvino ha messo in fila le preferenze degli studenti: si utilizza lo smartphone ed è immediato 

Già al mattino fuori dalla scuola prima dell'apertura dei cancelli molti ragazzi si radunano in tanti piccoli gruppetti dove al centro alcuni con i loro smartphone in mano si sfidano prima del suono della campanella.

Come tutti sanno, al giorno d' oggi i giovani sono fortemente influenzati dalle tecnologie digitali, soprattutto gli adolescenti che passano tante ore a giocare con i videogiochi.


Secondo alcuni studi la dipendenza da videogiochi è una cosa molto diffusa tra i ragazzi, infatti trascorrono molto del loro tempo libero attaccati agli schermi delle loro console piuttosto che uscire per giocare all' aria aperta e spesso sottraggono anche del tempo allo studio.

Nella scuola media “Italo Calvino”, ci sono 18 classi e abbiamo fatto un piccolo sondaggio su quanto tempo ogni giorno gli alunni giocano ai videogiochi e questi sono i risultati. I tempi di giocano variano dall’ora alle due ore, ma c’è anche chi gioca per più di due ore.

Analizzando i risultati possiamo notare che il gioco “piu' giocato” è Brawl Stars ed infatti la console piu' utilizzata è lo Smartphone/Tablet. Tra gli altri giochi molto utilizzati anche Fortnite, Minecraft e più staccati nella classifica Call of Duty e Fifa, che ogni anno non manca mai.

Dalla nostra esperienza personale possiamo dire che al giorno d'oggi non si gioca più molto da soli; infatti tutti hanno una connessione ad internet e sono sempre più numerosi i giochi che possono essere giocati on line con gli amici, spesso si usano le consolle anche per fare solo due chiacchiere.

Siamo nati nell'era digitale ma come dicono spesso i genitori: «Di tutte le cose non bisogna abusarne!».

Dobbiamo ricordare sempre che la scuola, l'attività fisica ed i rapporti sociali hanno un ruolo primario nelle nostre vite e quindi “giochiamo consapevolmente!”. —

Lorenzo Boiardi

Flavio Cavicchioli

Mario Chiatti

Matteo Du

Cesare Torano

© RIPRODUZIONE RISERVATA