Pavullo, nono arresto, torna in carcere la donna stalker dei condomini

La marocchina di 37 anni che abitava in via Bellettini ha aggredito più volte i vicini e anche i carabinieri. Ora dovrà scontare l’ultima condanna  

PAVULLO. Nono arresto per la 37enne marocchina W.S., che dopo ripetuti richiami ha dovuto abbandonare a forza la palazzina di via Bellettini dove da giovedì era tornata ad essere l’incubo dei condomini, timorosi di nuove aggressioni.. La donna si è scagliata più volte su alcuni vicini, tra cui un 36enne sulla sedia a rotelle, tanto da essere condannata nel maggio 2019 a 32 mesi per stalking condominiale, poi ridotti a 29.

Il 14 gennaio appello, con annessa scarcerazione, ma pena confermata. In quel frangente era già ritornata nella palazzina nonostante il suo appartamento fosse vuoto per lo sfratto esecutivo. Contro cui pensò di protestare aggredendo i carabinieri in caserma il 10 febbraio, con due militari feriti, uno con 28 giorni di prognosi: di qui l’ottavo arresto per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento aggravato. Scarcerata ancora, il 5 marzo era tornata nel suo ex condominio dormendo prima in uno sgabuzzino e poi sui pianerottoli.



Più volte i carabinieri hanno tentato con le buone di convincerla ad andarsene, perché scarcerandola il giudice le aveva ovviamente imposto il divieto di dimora nel luogo di stalking. Persistendo, hanno dovuto chiedere un aggravamento di misura cautelare. E lunedì alle 20 sono venuti per portarla in carcere ancora. —

D.M.
 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi