Diario dalla zona rossa di Modena/5 La videochiamata del sabato sera