Masa Day al Motor valley fest.  Guida autonoma, si parte da Modena. Sottoscritto protocollo per innovazione e sicurezza - TUTTE LE CONFERENZE IN DIRETTA

Sottoscritto al Motor Valley Fest Digital il nuovo Protocollo con  i ministri De Micheli e Pisano per il “laboratorio a cielo aperto” della guida autonoma

Rafforzare la ricerca e la sperimentazione sui veicoli innovativi a guida autonoma e connessa, con particolare attenzione alla sicurezza e nella prospettiva di un sistema di mobilità sostenibile da progettare per l’era post Covid. È uno dei principali obiettivi indicati dai ministri Paola De Micheli (Infrastrutture e Trasporti) e Paola Pisano (Innovazione tecnologica e digitalizzazione) annunciando la firma del “Protocollo d’intesa interministeriale Mit e Mid in materia di innovazione per la guida autonoma e connessa in ambito urbano ed extraurbano” presentato oggi, venerdì 15 maggio, insieme al sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e al rettore di Unimore Carlo Adolfo Porro, aprendo il Masa Day nell’ambito del Motor Valley Fest Digital.

Il Protocollo, che integra quello già sottoscritto nel 2018 tra Mit, Comune e Università, riguarda in particolare il progetto Masa (Modena Automotive Smart Area) con il quale è stato realizzato – come ha ricordato il sindaco Muzzarelli – un vero a proprio laboratorio a cielo aperto, con interventi specifici nelle infrastrutture stradali nel quartiere del “Progetto Periferie. Ri-generazione e innovazione nell’area nord”, per lo studio e la sperimentazione di soluzioni innovative per la guida autonoma e per la mobilità sostenibile.

“È necessario, infatti, che la sperimentazione sia sempre più aderente alla realtà”, ha spiegato la ministra Pisano sottolineando anche la necessità che si definiscano modalità per la conservazione dei dati in sicurezza. “La sfida che ci aspetta è quella di progettare la mobilità nel periodo del post Covid – ha aggiunto la ministra De Micheli – e in questo innovazione e digitalizzazione avranno un ruolo chiave per rispondere ai nuovi bisogni delle persone, in stretta connessione con le filiere industriali del settore”.

“Da Modena e con il sostegno del Governo – è il commento di Andrea Corsini, assessore a Mobilità e Infrastrutture della Regione Emilia-Romagna – arriva una lezione importante su come sviluppare la mobilità del futuro in stretta integrazione con il sistema universitario e le imprese”.

Il nuovo Protocollo, approvato nei giorni scorsi dalla giunta del Comune su proposta dell’assessore alla Città Smart Ludovica Carla Ferrari, prevede in particolare, da parte del ministero dell’Innovazione, la semplificazione relativa alle richieste di infrastruttura tecnologica e un supporto per la collaborazione e lo sviluppo delle competenze e di nuove professionalità tra i soggetti che operano nel settore.

Al nuovo regolamento per le strade Smart funzionale alla sperimentazione dei veicoli, inoltre, è stato dedicato l’intervento di Mario Nobile, firmatario del Protocollo per conto del ministero delle Infrastrutture. Tra gli interventi della sessione di apertura del Masa Day, condotta dal direttore di Trc Ettore Tazzioli, anche quelli di Sara Dahlsten (consigliera dell’Ambasciata di Svezia), del rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco e del sottosegretario del ministero delle Infrastrutture Roberto Traversi. Il comitato scientifico del progetto Masa sulla base del nuovo Protocollo è composto da Francesco Leali (Unimore), Luca Chiantore (Comune di Modena), Roberto Bianca e Mauro Antonelli (Mit), Davide Falasconi e Dario Malerba (Mid).

La guida allo shopping del Gruppo Gedi