Migranti. Scoperto a Parma traffico di baby calciatori, 5 nei guai. Coinvolti i gemelli Traorè di Sassuolo e Atalanta

Si sarebbero finti genitori di cinque giovanissimi calciatori di nazionalità ivoriana per farli entrare in Italia, ottenere il permesso di soggiorno con la formula del ricongiungimento familiare e poi avviarli all'attività calcistica. Per questo la squadra mobile di Parma, su delega del pm Fabrizio Pensa ha eseguito una serie di perquisizioni a carico di cinque cittadini ivoriani, ritenuti, a vario titolo, responsabili dei reati di falso e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.