Modena Le supercar tornano a “scorazzare” nella Motor Valley tra tour e raduni

Associazioni, circoli, musei sono ripartiti dopo il lockdown Oggi la partenza della carovana di Abarth 595 cabriolet

MODENA Le auto sportive e d’epoca tornano a percorrere le vie e le piazze modenesi. E riprende l’afflusso dei turisti che vogliono visitare la capitale mondiale dell’automobilismo sportivo. Ad attenderli hotel, ristoranti, acetaie, negozi specializzati, per un contributo importante all’economia della Motor Valley che, dopo il lockdown, fatica a ripartire.

Oggi alle ore 9 prende il via ad esempio il primo Motor Valley Tour promosso dalla Canossa Events di Reggio Emilia. Sei gli equipaggi che trascorreranno un weekend scorrazzando tra i gioielli del territorio. L’iniziativa, che mira proprio a contribuire al rilancio del turismo, è realizzata in collaborazione con Modenatur e con la Regione. Il Motor Valley Tour consentirà agli appassionati di automobili di vivere da protagonisti un’esperienza indimenticabile al volante di vetture speciali: le Abarth 595 cabriolet della flotta privata di Canossa Events, l’una diversa dall’altra grazie alla personalizzazione di Garage Italia, l’azienda di Lapo Elkann.

Il programma dell’iniziativa si articola su tre giornate e comprende le visite al Museo Lamborghini, alla Pagani Automobili, al Museo Ferrari di Maranello e al Mef di Modena, oltre a un aperitivo, a una passeggiata nelle vie del centro storico e alla visita guidata a Piazza Grande, al Duomo e alla Torre della Ghirlandina. Ci sarà tempo nel corso del Motor Valley Tour anche per assaporare le meraviglie della tradizione gastronomica in un susseguirsi di momenti di guida, scoperta, cultura e gastronomia.



Macchine sportive, storia, monumenti, buon cibo. Tutte cose nelle quali Modena dà il meglio di sé: il primo luglio, in Piazza Roma, sono convenute 66 vetture sportive giunte da ogni dove, per un’iniziativa promossa da ModenArteMotori. La sesta edizione dell’appuntamento “Rosse e non solo di sera” ha portato Ferrari, Maserati, Lamborghini, Porsche davanti all’Accademia Militare. Le auto sono rimaste esposte in piazza Roma fino a mezzanotte mentre i partecipanti hanno cenato alla vicina Osteria di Modena Rossi.

Intanto in città anche gli appassionati riuniti nel Club Motori di Modena-Scuderia Modena Corse (anche qui con le precauzioni anti Covid-19 del caso ovviamente) hanno ricominciato ad incontrarsi il mercoledì sera alla Torretta dell’Ex Aerautodromo, la loro sede. Pure lo storico Circolo della Biella ha riacceso i motori dopo il lockdown: il Consiglio direttivo di questo sodalizio dedicato agli amanti delle auto storiche ha deciso infatti (con tutte le prescrizioni anti Covid-19 del caso) di organizzare per sabato 18 luglio il Trofeo di Monfestino 2020, una gita riservata alle vetture d’epoca dei soci e che si snoderà tra Sassuolo, Monfestino e Castelfranco Emilia. L’associazione di promozione turistica Magica Marano domani, 12 luglio, propone dal canto suo una gita a Denzano, dove si potrà arrivare con moto e scooter d’epoca. Il ritrovo è fissato alle ore 10 in Piazza Matteotti a Marano: la cavalcata a bordo delle vecchie due ruote terminerà alle ore 12 alla Locanda della frazione. Domenica 26 luglio l’iniziativa si ripeterà, ma questa volta con le quattroruote d’epoca, che dalla piazza di Marano saliranno fino ad Ospitaletto, dove alle ore 12 è previsto il pranzo al ristorante Lo Spino.

Ai Musei Ferrari di Modena e Maranello la ripartenza è stata lenta, ma era importante aprire di nuovo i battenti non appena possibile per essere “back on track” e dare la possibilità agli appassionati di visitarli in tutta sicurezza. «Il trend è positivo – spiegano dai Musei - e continua a crescere; per questo è consigliabile prenotare online per evitare di rischiare di non potere accedere. Nelle ultime settimane si è osservato anche un aumento di visitatori stranieri». Soprattutto europei, per ora, com’è ovvio. Per contrastare l’emergenza Covid19 i Musei Ferrari hanno definito un numero massimo di visitatori presenti contemporaneamente all’interno dei loro locali. La visita può durare al massimo un’ora e mezza, bisogna seguire le segnalazioni a terra e dotarsi di mascherina obbligatoria mentre per garantire la sicurezza agli ingressi è rilevata la temperatura corporea. Con più di 37.5 gradi centigradi non si entra.

Il 26 e 27 settembre prossimo infine è attesa alla Fiera la manifestazione Modena Motor Gallery: troverà in contemporanea la concorrenza con Milano Autoclassica (e questo agli organizzatori nostrani non è piaciuto) ma proporrà importanti eventi ed esposizioni: “Le auto dei personaggi famosi", ”Le Formula Junior”, “Omaggio Alfa Romeo” “La Strada degli artigiani” , “Le auto della Motor Valley”; tante proposte per richiamare un grande pubblico di appassionati, collezionisti e commercianti. —


 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi