Contenuto riservato agli abbonati

Modena. A 30 anni muore in casa per un malore

Luca Garuti è stato trovato senza vita dalla fidanzata. Le piscine Pergolesi in lutto: era un ex istruttore di nuoto



MODENA. Luca Garuti è morto a 30 anni in casa per un malore.


A trovarlo ieri mattina esanime è stata la fidanzata e, nonostante l’allarme lanciato dalla famiglia, non c’è stato nulla da fare per un ragazzo che allo sport aveva dedicato passione e impegno. Luca amava il nuoto e amava insegnarlo ai bambini. Fino a due anni fa era istruttore alle piscine Pergolesi, dove aveva anche svolto l’attività di barista.

Era amato da tutti, soprattutto da quei bambini che timorosi si avvicinano a una vasca che sembra immensa e sa far paura. Lui, invece, riusciva a fargliela amare poco alla volta tanto che gli amici gli avevano affibbiato un simpatico soprannome: «Lo chiamavamo Luca “Lancia-bambini” Garuti», ricorda con amarezza Luca Tonelli, presidente della Sweet Team, società di nuoto che svolge la sua attività proprio alla piscina Pergolesi.

«È una notizia che ci distrugge – prosegue Tonelli – e che ci lascia senza parole».

Il ritratto che il presidente della Sweet Team dipinge di Luca è acceso da mille colori: «Era davvero il numero uno. Quel soprannome descrive la sua capacità di stare insieme ai bambini, tanto che per anni ha lavorato anche nel centro estivo. Quando era tra amici era quello che sparava la battuta e ti faceva ridere per un quarto d’ora».

Per capire quanto fosse ben voluto basta leggere i ricordi che i tanti genitori che gli hanno affidato i figli hanno scritto sulla pagina Facebook della Sweet Team. Tutti lo piangono e sono rimasti sconvolti dalla tragica notizia.

«È stato con noi per tanti anni – continua ancora Tonelli – era uno dei nostri ragazzi. Poi la scuola nuoto, poi nel gruppo Pergolesi come istruttore e anche l’agonismo. È davvero un periodo brutto per il nuoto modenese, un mondo piccolo in cui tutti ci conosciamo».

L’ultima frase è riferita alla recente morte di un altro volto noto delle piscine, Luciano Landi, anima dell’impianto dei vigili del fuoco, scomparso a 55 anni il 26 agosto anche lui per un malore.

Ora solo gli accertamenti autoptici che verranno eseguiti sulla salma di Luca Garuti potranno stabilire le cause della morte. Dopo di che il corpo verrà consegnato alla famiglia per le esequie. Un’estate nera per il nuoto modenese. —