Vasco, l'importanza della scuola (oggi più che mai) e quella mitica foto degli alunni di Guiglia

La  foto per i modenesi è storia. La "mitica" immagine dei bambini di Guiglia che ogni mattina per poter arrivare a scuola dovevano attraversare il fiume Panaro,aggrappandosi a una carrucola che scorreva su uuna lunga fune tesa tra le due rive del fiume.

E proprio questo aggrapparsi alla corsa, compiendo un percorso certo non semplice, è stato usato da Vasco Rossi come metafora dell'iportanza della scuola, in vista dell'apertura del nuovo anno scolastico.

Il post che risale al 4 settembre è stato rilanciato da migliaia di utenti web, molti hanno commentato, ed è diventato virale arrivando sulle home page dei principali siti. Ve lo proponiamo qui sotto

"Saluto l'inizio delle scuole con questo scatto del 1959 - scrive Vasco - che ritrae i bambini di Guiglia, piccolo comune ai primi rilievi dell'Appennino modenese, che per recarsi a scuola a valle dovevano attraversare il fiume Panaro con una carrucola. Ogni giorno. Perché la scuola era l'unico ponte per aggrapparsi al futuro. Perché, citando Hugo, «Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione» e condanna l'ignoranza. Buon anno scolastico!"