La moto carambola e tampona un’auto: Muore 44enne di Pozza di Maranello

Muore biker di 44 anni Incidente all’ora di cena sulla provinciale di Spezzano Il 44enne Christian Galli ha perso il controllo della sua Ducat

FINALE Non sono serviti i disperati tentativi del personale sanitario dell’ambulanza e dell’automedica del 118 arrivato rapidamente sulla Pedemontana. Le operazioni di rianimazione tentate da infermieri e medico non sono servite e un 44enne motociclista è morto intorno all’ora di cena nello schianto avvenuto sulla Pedemontana contro un’auto. Si tratta del 16° decesso in provincia dall’inizio dell’anno.
Erano da poco passate le 20 quando i due mezzi sono entrati in collisione. La moto Ducati stava viaggiando da Sassuolo con direzione Maranello quando, nei pressi del sottopassaggio della Provinciale 467, è accaduto qualcosa su cui dovranno effettuare accertamenti i carabinieri della stazione di Fiorano, a cui si sono affiancati i colleghi del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Sassuolo e gli agenti della polizia locale di Maranello, intervenuti a supporto per regolare il traffico e indirizzarlo sulla viabilità secondaria.
Di sicuro la strada era pulita e le condizioni meteo non possono aver influito su un incidente ancora tutto da definire nei dettagli. Stando ad una prima ricostruzione, effettuata anche attraverso le testimonianze delle persone coinvolte, la moto del 44enne, Christian Galli, residente a Maranello, avrebbe improvvisamente sbandato verso il lato destro della carreggiata. A quel punto il mezzo è diventato irrecuperabile e a causa del guardrail è stato rimbalzato in strada senza più la possibilità di controllarlo ed è andato a sbattere contro la vettura, una Opel, che lo precedeva.

Una dinamica quindi strana e difficile da comprendere tanto che la salma del 44enne è stata trasferita all’istituto di Medicina legale per essere messa a disposizione del magistrato di turno. Saranno effettuati infatti alcuni accertamenti autoptici, necessari a capire se all’origine della sbandata possa esserci stato un malore oppure se lo schianto sia imputabile ad una distrazione.
Proprio per la complessità della situazione la Provinciale 467 è rimasta chiuso per oltre due ore, il tempo necessario affinché i carabinieri potessero prendere le misure e soprattutto annotare a verbale tutte le dichiarazioni utili per definire il perimetro dell’indagine. —