Contenuto riservato agli abbonati

I 23 menù ideali per i giovedì di Modena dedicati a tradizione e gastronomia

Tornano con Confesercenti le degustazioni a prezzi ribassati. Ci saranno anche i timbri per premiare i clienti più fedeli

Giovedì gastronomici nei ristoranti modenesi: menù di qualità a prezzi speciali

MODENA In tutto sono 23 ristoranti, con 23 menù degustazione speciali a un costo leggermente ribassato (dai 25 ai 35 euro), 10 Comuni della nostra Provincia, dalla pianura alla montagna (per la prima volta anche Pavullo), 9 giovedì dal 1° ottobre al 26 novembre.

Sono questi i numeri della quattordicesima edizione dei Giovedì Gastronomici, l’iniziativa di promozione della ristorazione modenese ideata da Fiepet – Federazione italiana degli esercenti pubblici e turistici – Confesercenti Modena volta a valorizzare i prodotti tipici del nostro territorio. Per 9 giovedì consecutivi nei ristoranti selezionati sarà infatti possibile degustare un menù completo, dall’antipasto al dolce, che vedrà trionfare eccellenze della tradizione enogastronomica modenese come l’aceto balsamico tradizionale, i lambruschi di Modena Doc e Dop, il parmigiano reggiano Dop, il prosciutto di Modena Dop, lo zampone e il cotechino di Modena Igp.

A Modena aderiscono all’iniziativa Accademia by Italo, Il Luppolo e L’uva, Maxelâ, Osteria di Modena Rossi, La Quercia di Rosa, Taverna dei Servi, Osteria Vecchia Pirri, Ristretto Vicolo Coccapani e 80° Miglio; a Carpi il Ristorante L’Incontro e l’Osteria la Cascina; a Mirandola il Ristorante Marchesa; a Nonantola La Nunziadeina, La Piazzetta del Gusto e l’Osteria di Rubbiara; a Formigine Cà del Rio, Ristorante il Calcagnino e Nero Balsamico; a Spilamberto l’Antica Trattoria Ponte Guerro; a Castelvetro l’Antica Osteria Cacciatori, a Vignola la Trattoria La Campagnola; a Marano sul Panaro la Locanda Marcella; a Pavullo la Vecchia Trattoria Romani.

«Quest’anno abbiamo forzatamente incentivato i nostri ristoratori a inserire almeno due prodotti tipici nei propri menù – spiega Gianfranco Zinani, Presidente di FIEPET Confesercenti Modena – il nostro settore viene da un momento difficile ma negli ultimi due mesi mi sono accorto che la gente è più rilassata quando esce di casa per mangiare fuori e il merito è anche della professionalità dei nostri ristoratori che sono riusciti a mantenere le regole necessarie a garantire la tranquillità dei clienti».

Confermata in questa nuova edizione anche la carta fedeltà che premierà gli abitudinari della rassegna. Come? Ciascun cliente potrà richiedere la sua tessera direttamente ai ristoratori aderenti e, ad ogni cena, avrà diritto ad un timbro (massimo uno per ciascun locale). Al termine dei 9 giovedì, in base al numero di timbri conquistati, si avrà diritto a un premio: dall’esperienza di visita e degustazione al Museo Gavioli Antica Cantina di Nonantola (con 2 timbri) a una cesta di prodotti DOP e IGP di Modena (9 timbri). «Novità di quest’anno – annuncia Alessio Bardelli, Responsabile Organizzazione Giovedì Gastronomici – il modo che utilizzeremo per comunicare l’evento. Ci serviremo tantissimo di Facebook e di Instagram ma soprattutto racconteremo in diretta cosa succede nel dietro le quinte delle cucine dei nostri ristoranti. Mai come adesso abbiamo bisogno di stare insieme e i Giovedì Gastronomici sono l'occasione per restituire i giusti tempi e i giusti spazi alla socializzazione». —