Casinalbo. Assalto al bancomat e fuga con 20mila euro

FORMIGINE Ore 2 di venerdì notte, un boato sorprende e sveglia Casinalbo. È l’ennesimo bancomat esploso in provincia, il quarto in neppure un mese dopo quelli di Medolla, Mirandola e Corlo. Anche questa volta i banditi hanno preso di mira il bancomat delle Poste, che si trovano in via Don Maselli. Rispetto a Corlo la deflagrazione è di portata minore, ma comunque sufficiente per aprirsi la strada verso la cassaforte del sistema di distribuzione automatica dei contanti. È venerdì quindi di soldi ce ne devono essere parecchi. E secondo una prima ricostruzione mancano all’appello almeno 20mila euro, che però i banditi difficilmente potranno utilizzare perché macchiati dall’inchiostro usato per segnare le banconote e renderle non spendibili.

Sull’accaduto hanno aperto un’indagine i carabinieri di Formigine, che da alcuni giorni già stavano facendo accertamenti sul piano devastante di Corlo. Anche in questa occasione sono almeno tre i ladri coinvolti, che hanno operato a volto coperto e sono stati visti fuggire a bordo di una vettura di grosse dimensioni. La sensazione è che la banda sia sempre la medesima, ma ogni pista non viene tralasciata. —


F.D.