Camposanto.  Col fumetto su Ovidio Sofia arriva seconda al concorso del Quirinale

Studentessa del liceo “Morandi” di Finale protagonista selezionata a livello nazionale e poi premiata per le splendide tavole 

CAMPOSANTO «Non avrei mai pensato che una semplice passione, come quella del fumetto, potesse portarmi a raggiungere un traguardo così appagante» sono le parole della giovanissima Sofia Cussini, studentessa di quinta del liceo scientifico Morandi, che si è classificata seconda a un concorso indetto dalle Scuderie del Quirinale.

Camposanto, Sofia Cussini Ovidio e la speranza che vince sempre

“Racconta e disegna gli amori, i miti e le altre storie di Ovidio”, questo il compito assegnato a ragazzi dai 18 i 25 che, da tutto il territorio nazionale, si sono cimentati nel compito di restituire in chiave moderna la poetica del grande poeta Ovidio, in occasione del suo bimillenario, celebrato nel 2018.

«È stata mia madre a mostrarmi il bando del concorso indetto dalle scuderie nel gennaio scorso – racconta Sofia – e ammetto di aver raccolto la sfida un po’ per gioco. I giudici facevano parte di alcune delle giurie del Lucca Comics e non pensavo di essere all’altezza delle aspettative». La passione per il disegno e il fumetto è arrivata quasi per caso.

«È stato grazie alla mia prof di italiano. Ci assegnò da leggere “La profezia dell’armadillo”, una delle graphic novel di Zero Calcare e mi piacque tantissimo. Pian piano, oltre a leggere, iniziai anche i miei primi schizzi. Per Latino, decisi di disegnare i personaggi di una delle opere di Plauto: ottenni così tanti riscontri positivi che cominciai a fumettare storie vere e proprie». Sofia è stata selezionata a livello nazionale tra i 5 finalisti. «È stato allora che ho capito che il progetto mi avrebbe richiesto un certo impegno. In due settimane dovevo ultimare le otto tavole che avevo solo schizzato...».

Poi è arrivato il tempo di ottenere voti. «Il concorso prevedeva anche una votazione da parte del pubblico. Il corpo docenti che i miei compagni si sono messi in moto per farmi avere più consensi possibili, pubblicizzando la mia partecipazione alla competizione».

Per una serie di rimpalli organizzativi, i vincitori sono stati proclamati recentemente e Sofia ha scoperto di aver raggiunto il secondo posto. «Sostanzialmente, con il mio fumetto, ho voluto trasmettere l’idea che la speranza, nonostante a volte le premesse non siano incoraggianti, vince sempre – descrive Sofia – mi sono ispirata a una frase dei “Tristia” di Ovidio che gli organizzatori avevano postato sulla pagina Facebook delle Scuderie del Quirinale.

«Sto cercando di progredire nel disegno dei manga giapponesi…ma sono difficili! – L’anno prossimo inizierò l’università di Fisica a Bologna ma spero di avere il tempo per non abbandonare nessuno dei miei hobby». —