Modena  La sfilata di supercar nella giornata del blocco alle auto

Ieri mattina in piazza Roma hanno rombato bolidi di lusso Polemiche sui social: «Ma c’erano anche veicoli elettrici»

Rombano i motori… nella domenica ecologica. Alle 8,30 di ieri scatta lo stop ai veicoli più inquinanti in tutta la città. Alla stessa ora l’attenzione in piazza Roma è puntata su circa sessanta auto sportive. Veicoli da marchi prestigiosi e cilindrate possenti.
 
Bolidi pronti a sfrecciare due ore dopo verso Villa Cospi Ranuzzi (Budrio), traguardo del sesto meeting “Ville Emiliane”. L’evento porta la firma di ModenArteMotori, club che già in estate aveva portato nella suggestiva cornice davanti all’Accademia auto di lusso. Il raduno di ieri è stato patrocinato da Aci Modena e dal Comune. Lo stesso Comune che bandiva sempre ieri i veicoli a benzina Euro 0 ed Euro 1 e i diesel da Euro 0 a Euro 3 in nome della qualità dell’aria. Sui social i commenti critici si sprecano. «Abbiamo ricevuto zero contestazioni - replica Terenzio Gianesini, presidente del club - e ritengo che tutti gli ecologisti dovrebbero girare in bicicletta, non con il Suv come fanno di solito. Io giro in bicicletta anche durante la settimana.
 
L’evento di ieri è stata un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica». 
Gianesini sposta dunque i riflettori sui test drive di ieri. «Ringraziamo la Concessionaria Porsche di Bologna e Modena per aver presentato in centro due creazioni futuristiche», il tributo del presidente. La presenza della casa automobilistica non era casuale. Cinquant’anni fa, la Porsche 917K conquistava i primi due gradini del podio alla 24 Ore di Daytona. Al terzo posto, la Ferrari 512S di Mario Andretti, Jacky Ickx e Arturo Merzario, il pilota che sei anni dopo salvò la vita a Niki Lauda. Gli organizzatori hanno riproposto la rivalità tra le due case automobilistiche nella patria del Cavallino Rampante. Le prove tecniche dell’evento sono partite giovedì 8 ottobre. Sabato 10 la preparazione dei test drive.
 
«È un po’ una sfida che si ripete ancora - analizza Gianesini - grazie a veicoli totalmente elettrici, per cui dobbiamo ringraziare anche Hera». Il formato potrebbe tornare il primo giorno della primavera 2021. «Se sarà possibile, ripeteremo l’evento il 21 marzo con nuovi veicoli elettrici ed ecologici - anticipa il presidente - accanto a macchine con motori endotermici, creando così un effetto contrasto». —
G.F

 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi