Carpi Gioielleria razziata in pieno centro Vetrata sfondata per rubare l’oro

I carabinieri sulle tracce dei banditi: recuperata in via Nuova Ponente l’auto usata per il furto

 
CARPI Hanno provato a spaccare la vetrata con un piccone, poi hanno forzato la porta con un piede di porco e si sono introdotti all’interno portando via un bottino di catenine, anelli e orecchini d’oro: alcune decine di pezzi che, sommate ai costi delle riparazioni che saranno necessari per ripristinare la vetrata portano a 3mila euro il danno complessivo. 
 
Razzia in pieno centro nel cuore dell anotte ai danni del negozio Oromania di corso Roma. Erano le 4 del mattino fra domenica e ieri quando i banditi si sono diretti a colpo sicuro verso il punto vendita, riducendo la vetrata d’ingresso in frantumi e facendo man bassa di tutto quanto sono riusciti a recuperare. 
«Il danno provocato alla vetrata sarà da ripristinare attraverso una settimana di lavori - fa sapere il titolare di Oromania, Giuliano Lotti - Per questo, dovremo tenere il negozio chiuso. Inizialmente, per la violenza dell’impatto contro l’ingresso, pensavo che i malviventi avessero utilizzato un veicolo per sfondarlo. Una volta entrato mi sono reso conto che mi hanno portato via decine di gioielli d’oro, tra cui anelli, orecchini e catenine». 
 
Il furto è stato denunciato ieri mattina ai carabinieri, i quali sono accorsi sul posto raccogliendo elementi utili all’individuazione dei banditi. I militari sono già sulle loro tracce e, poche ore dopo il furto, alle 10 hanno ritrovato in via Nuova Ponente, sempre a Carpi, la macchina con cui i banditi si sono recati nei pressi dell’oreficeria per attuare il colpo. All’interno sono state trovate alcune fedi d’oro, qualche orologio parte della refurtiva. Gli oggetti sono stati restituiti al proprietario. L’auto è risultata rubata questo mese a Verona. 
Preoccupazione tra i vicini negozianti i quali, tuttavia, non sono meravigliati.
 
E arrivano le reazioni delle forze politiche. «Ancora un fatto di cronaca che, così come quelli accaduti nelle scorse settimane, dimostra come a Carpi esista un problema sicurezza non più rimandabile - attacca la capogruppo leghista in Consiglio comunale Federica Boccaletti - L’amministrazione deve affrontarlo subito e farsene carico prima che la situazione diventi irrecuperabile. Per questa ragione presenterò una mozione per chiedere al sindaco di Carpi, Alberto Bellelli, e alla Giunta la costituzione di un tavolo permanente sul tema della sicurezza che coinvolga tutte le forze politiche rappresentante in Consiglio Comunale per affrontare sin da ora e concretamente il problema della sicurezza in città». —

<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVAT