Spilamberto, mamma senza vita, lui viene ricoverato ma muore: è giallo

A 48 ore dal primo decesso addio a Jonathan Muratori Portato in ospedale sotto choc. Ci sarà l’autopsia sul 50enne

SPILAMBERTO. Un epilogo drammatico per una mamma ed un figlio vissuti in modo precario per tutta la vita. Se ne sono andati a distanza di 48 ore e per entrambi il magistrato di turno ha disposto l’autopsia per fare luce su due decessi quantomeno singolari nelle tempistiche. Della prima morte, quella della madre, avvenuta venerdì pomeriggio avevamo già dato conto

Era stata trovata senza vita nel letto della sua abitazione in via Castellaro. La situazione intorno non era delle migliori: la casa era in condizioni di ordine precarie e il figlio era stato trovato in stato confusionale. Non a caso il pm, che ha coordinato le indagini dei carabinieri di Spilamberto, aveva inviato il corpo all’istituto di Medicina legale per l’autopsia che, stando ai primi riscontri, dovrebbe raccontare di una morte imputabile a cause naturali.

Ma in quei concitati momenti - l’abitazione è stata posta sotto sequestro su disposizione del pm e sono stati effettuati anche diversi rilievi - il figlio è stato soccorso. Il 50enne Jonathan Muratori, infatti, non stava bene, lo ha detto ai carabinieri e ai sanitari del 118 che erano intervenuti per dare assistenza alla madre e decretarne la morte. L’uomo è stato portato al Policlinico dove i sanitari lo hanno ricoverato in Terapia intensiva a causa di un problema cronico che da tempo lo perseguitava.

Ma domenica mattina il 50enne è stato trovato morto nel suo letto. E anche in questo caso il magistrato ha disposto gli esami autoptici per verificare i motivi di un decesso comunque complicato da spiegare quantomeno per le circostanze anomale in cui è avvenuto. Che Muratori avesse vissuto una vita borderline in paese lo sanno in molti; un’esistenza che lo aveva anche portato in carcere e alla Casa di lavoro di Castelfranco ma da tempo non dava più problemi anche se la nomea non lo aveva abbandonato. Ora bisognerà capire cosa ha innescato la sua morte per una storia che in paese rimane comunque un giallo da finire di investigare nonostante le circostanze naturali sembrino susseguirsi con logica, andando a comporre un mosaico a tinte fosche. —