Maranello Corse e tanti sportivi in lacrime Malore stronca a 60 anni il presidente Zandanel

il lutto



Se è andato la notte scorsa, improvvisamente. Aveva appena compiuto 60 anni Nicola Zandanel, presidente della Scuderia Maranello Corse, realtà ben nota tra gli appassionati di rally, non solo modenesi.

Imprenditore nel campo della ceramica Zandanel era anche apprezzato copilota e aveva saputo in breve tempo far crescere la sua scuderia e diversi giovani piloti, come Lorenzo Grani, Giacomo Guglielmini o Francesco Arati.

Sulla Ford Sierra Cosworth del pilota maranellese Lorenzo Gilli aveva corso ultimamente nelle gare riservate alle vetture storiche. Ma soprattutto, dice chi lo ha conosciuto bene, Zandanel era in grado pur apparendo poco di fare tante cose e con tante persone diverse. Serio, corretto, sempre pronto a dare consigli ai giovani, fondò Maranello Corse nel 2015.

Tra i primi a inviare un messaggio di condoglianze per la sua scomparsa il team lucchese MM Motorsport, con il quale Maranello Corse aveva in questi anni creato un ottimo rapporto. Commosso il ricordo postato su Facebook dal Club Motori di Modena-Scuderia Modena Corse.

«Un amico, una persona limpida. E’ davvero una disgrazia grandissima quella che è successa – spiega Vincenzo Credi, Presidente di Aci Modena – Anche grazie a lui avevamo deciso nel 2020 di affiancare ufficialmente gli organizzatori del Rally Città di Modena (previsto a settembre, poi rinviato per la pandemia, ndr.). Senza Nicola il movimento non sarà più lo stesso».

Nei giorni scorsi Zandanel pare si fosse sottoposto ad esami di routine, ma a tutti diceva che era risultato tutto a posto. L’altra notte invece il malore improvviso mentre era a casa: all’ospedale non hanno potuto fare niente per salvarlo. Lascia la compagna e il figlio. «Una persona gentile, generosa – afferma dal canto suo il pavullese Francesco Arati –l’unico che ha creduto in me nel motorsport ma anche mio navigatore, con il quale abbiamo peraltro quasi sempre vinto nelle gare del 2015-2016».

Al recente Rally 2 Valli nel veronese Lorenzo Grani e Denis Piceno hanno proprio pochi giorni fa vinto per la Maranello Corse il Trofeo Michelin nell’ambito del Campionato italiano WRC, su Skoda Fabia. «Persona sincera e leale – sottolinea Grani - qualità non comuni nel mondo del rally: la colonna portante della Scuderia, difficilmente sarà possibile eguagliarlo».

Zandanel aveva instaurato dall’anno scorso una collaborazione con la sezione regionale della Lega Italiana Fibrosi Cistica, il cui logo figurava sulle auto della Scuderia durante le gare. Per Maranello Corse il 2019 era stato molto positivo. Argento nel Campionato Italiano Rally Terra con Paolo Andreucci, Coppa Under 25 e secondo posto nella Coppa R2 nel tricolore WRC di Lorenzo Grani, piazza d’onore nel trofeo Peugeot 208 Top e terzo posto di Coppa R2 nel Campionato Italiano rally colti da Giacomo Guglielmini. —