La piastrella 4.0: quando la vendita delle ceramiche ha successo online

Federico D’Andrea racconta la crescita della sua azienda “Sassuolo.com” che commercia soltanto tramite web

Giovanni Medici

Comprare le piastrelle per il pavimento o il rivestimento del bagno senza toccarli con mano,utilizzando una piattaforma online, progettando a distanza assieme agli architetti gli spazi, scambiandosi foto e video, scegliendo materiali e colori e infine attendendo a domicilio il corriere e magari il posatore.


Anche nel settore della ceramica il lavoro del rappresentante che viaggia con espositori e cataloghi nel baule della macchina è sempre più un ricordo. Federico D’Andrea è il co-titolare di Bluetiles srl, azienda sorta nel 2018 e che gestisce la piattaforma di vendita Ceramiche Sassuolo.com: nata come negozio virtuale su EBay nel 2009 da ormai dieci anni è diventata un punto di riferimento per chi sceglie di acquistare le piastrelle sassolesi per i propri pavimenti in modo intelligente, risparmiando grazie all’acquisto diretto. Il primo brand di ceramiche direttamente dal produttore al consumatore, online, anzi social.

«Facciamo piccoli passi ma veloci - dice D’Andrea - Il nostro non è un sito di e-commerce ma una vera e propria piattaforma pensata per servire il cliente nel minor tempo possibile garantendo un rapporto umano, proponendo non solo stock di aziende locali ma anche una nostra gamma prodotti (oggi conta 100 articoli) in pronta consegna e a prezzi bassi, visto che non c’è la filiera della vendita: fornendo poi un servizio a domicilio dedicato, con assistenza anche in tutta Italia».

Durante il lockdown gli otto tra soci e dipendenti dell’azienda sassolese hanno ovviamente continuato a lavorare da casa in smart working e a rotazione a turno in ufficio, garantendo il servizio alle vendite e l’invio di foto e video ai potenziali clienti interessati all’acquisto.

«Abbiamo spedito un container di piastrelle in California in quel periodo e avuto un boom di contatti, oggi sono 400 al giorno. Il 60% del nostro giro d’affari - 2 milioni di euro nel 2020 con zero indebitamento con le banche - lo realizziamo senza che i compratori vengano a vedere il nostro showroom. Più di 300 i clienti da gennaio, e su Google siamo i più indicizzati, i numeri uno in Italia – dice il socio di D’Andrea, Christian Minghelli – tanto che c’è anche chi ha copiato logo e nome della ditta. I margini di guadagno? Elevati».

Covid o non Covid, le moderne tecnologie consentono comunque all’azienda di D’Andrea e Minghelli (35 e 38 anni rispettivamente, ma profondi conoscitori del settore per le loro pregresse esperienze) di lavorare senza interruzione, in piena sintonia con il concetto di Industria 4.0. Il cliente chiama, in call conference in tempo reale si mostrano i prodotti e si danno le informazioni del caso, controllando in magazzino e negli stock se sono disponibili: il pagamento ovviamente è anticipato e appena arriva si telefona al corriere e si spedisce a casa la merce richiesta. Sulla piattaforma Ceramiche Sassuolo.com si possono trovare prodotti di alta qualità. Gres porcellanato effetto marmo, effetto legno, effetto pietra o effetto cemento; piastrelle in ceramica realizzate in grandi lastre per pavimenti e rivestimenti, prodotti da esterno, scale su misura, battiscopa. E il cliente può affidarsi ai professionisti che collaborano con l’azienda sia per la posa in opera finale che per la progettazione iniziale. Il prossimo passo sarà l’apertura di uno spazio fisico in franchising; aprirà tra un mese nella zona del ponte della Veggia. Si chiamerà The Workshop, e sarà una nuova concezione di show room, promettono D’Andrea e Minghelli. —