Eduscopio premia le scuole migliori In provincia svetta il “Fanti” di Carpi

La classifica della Fondazione Agnelli analizza i successi universitari. Tra chi cerca subito lavoro in testa c’è il Magnani-Volta

MODENA. Iscriversi alle superiori pensando già all’università. O al mondo del lavoro. È la prospettiva a lungo termine che si osserva con “Eduscopio”. Redatta dalla Fondazione Agnelli, la guida classifica i percorsi di studio dopo la terza media. Tramuta la qualità in quantità, fornendo dati misurabili e confrontabili. Immaginiamo di essere uno studente che desidera farsi strada all’università. Statisticamente parlando, la scelta migliore per avere successo è iscriversi al liceo scientifico Fanti di Carpi.

I due fattori contribuiscono in egual misura al voto in 89,91 (centesimi) dell’indice Fondazione Gianni Agnelli (FGA). «I ragazzi arrivano da noi già preparati - commenta la preside Alda Barbi - poi li coinvolgiamo molto con gli insegnanti. Il riconoscimento di Eduscopio è il frutto di tanti progetti, come quelli con i droni e gli alianti, l’Hackathon e lo Space Hack».


La formazione scientifica in provincia è comunque di qualità con ottimi risultati anche al Formiggini di Sassuolo, al Tassoni e al Wiligelmo di Modena, e al Galilei di Mirandola (scienze applicate).

Non tutti amano però le scienze. Chi desidera iscriversi al liceo classico sappia che un diplomato al Muratori ottiene il 70,07% dei crediti al primo anno con una media voto di 28,72 per un punteggio FGA complessivo di 79,7. Nelle scienze umane, il liceo Sigonio svetta con il 60,81% di crediti al primo anno e una media voto di 25,59 (62,04 d’indice FGA). Aggiungendo però l’indirizzo economico sociale, è il Formiggini di Sassuolo a spuntarla con un indice FGA pari a 65,38 (26,12 media voti, 63,07% crediti). Nell’indirizzo linguistico, torna in cima il Muratori con 27,38 di media nel libretto universitario al primo anno e il 67,58% dei crediti al debutto accademico (72,87 d’indice FGA). Per l’artistico la scelta migliore in città è il Venturi: 26,73 di media voto e 49,93% di crediti al primo anno (61,35 d’indice FGA). Nell’indirizzo tecnico-economico, il Paradisi di Vignola è la migliore opzione nei trenta chilometri di raggio da Modena con un indice FGA di 57,08 punti (25,37 media voto, 52,73% di crediti). Attenzione però: per gli studenti dell’Appennino può risultare più vincente il Cavazzi-Sorbelli di Pavullo con 57,45 punti, frutto di un 25,42 di media voto e dei 53,08% dei creduti conquistati al primo anno. Nell’indirizzo tecnico-tecnologico, primeggia il Fermi con 76,47 punti d’indice FGA: 27,31 di media nel libretto e il 75,34% dei crediti da matricole. Interessati al mondo del lavoro? Il don Magnani-Volta di Sassuolo consente all’84% dei diplomati che non affrontano l’università di lavorare almeno per sei mesi nel biennio successivo.

La percentuale è all’80% all’indirizzo tecnico-tecnologico del Levi di Vignola. Al tecnico-economico Baggi di Sassuolo il valore è di poco inferiore (78,53%). Al professionale Spallanzani la percentuale di occupazione riportata è del 65,82%. Se si vive in Appennino meglio però il Cavazzi-Sorbelli (66,13%). —