Contenuto riservato agli abbonati

Vignola. Vince due milioni a "Tutto per tutto": «È diventato pallido...»

È un vignolese che ieri mattina era entrato alla tabaccheria “Arcobaleno”. I gestori: «Poi è tornato a comprare le sigarette» La maxio vincita dopo aver comprato una cartolina gioco da 10 euro

VIGNOLA «T’immagini se fosse sempre domenica» cantava Vasco. E per qualcuno, da ieri, immaginarlo è più facile. Parliamo del vignolese che, durante il suo solito giro domenicale, ha grattato una schedina da 2 milioni di euro presso l’Edicola Tabaccheria Arcobaleno di Vignola.

«È un cliente che conosciamo bene, ormai sveniva», racconta Barbara Giovanelli che da tre anni gestisce assieme al figlio l’edicola tabaccheria di via Ballestri.


«Per noi si trattava di una domenica normalissima. Avremmo visto la nostra clientela abituale, forse qualche viso nuovo. In ogni caso sapevamo che per ora di pranzo avremmo chiuso bottega come sempre per poi riaprire lunedì mattina – spiega Barbara – questo signore, che viene spesso da noi, mi ha chiesto un “Tutto per tutto” da 10 euro ed è uscito».

Baciato da un sole splendente e dalla fortuna, l’uomo è rientrato qualche minuto dopo nel negozio, con un’aria piuttosto persa: «mi ha chiesto di controllare se fosse vero quello che aveva visto nella schedina – ricorda Barbara – prima di tutto ho notato il suo viso pallido e poi ho passato il gratta e vinci nella macchina per la convalida. Aveva vinto veramente due milioni di euro. In questi casi, però, bisogna andare direttamente in banca. Il mio compito lì era finito».

Barbara Giovanelli racconta l’episodio ancora colma dell’emozione del momento. «Dopo che gli avevo confermato quanto i suoi occhi annebbiati dall’emozione avevano soltanto potuto scorgere, è rimasto nel mio locale una decina di minuti nel tentativo di capire cosa stesse succedendo. Mi ero anche preoccupata, pensando che sarebbe svenuto da un momento all’altro – sorride – e non lo nascondo, ero molto emozionata anche io. Sono tre anni che gestisco la tabaccheria e non mi era mai capitata una vincita di questa portata». L’unico altro colpo di fortuna presentatosi nella tabaccheria Arcobaleno era capitato tre anni fa, quando Barbara aveva appena iniziato l’attività: «quella volta furono vinti 40 mila euro al Lotto, avevo aperto da poco». Insomma, quella di ieri a Vignola è stata una domenica estremamente benevola, colorata da un ulteriore tocco di singolarità. «La cosa più incredibile è che me lo sono visto arrivare di nuovo in negozio, lo stesso signore! – sorride l’esercente – in tutto quel trambusto di emozioni aveva dimenticato di comprare le sigarette». Per l’occasione, la proprietaria ha addobbato il negozio a festa, chiedendo aiuto anche al figlio. Si tratta di Andrea Bortolani, di 24 anni, il quale lavora nell’attività di famiglia. Un muro più in là, infatti, il marito di Barbara, Gian Paolo, gestisce il Blu Bar. «Prima di rilevare l’edicola tabaccheria, gestivo soltanto il bar a fianco. Poi, da quando mio figlio ha preso a lavorare qui con noi, abbiamo allargato l’attività. Io e mio figlio stiamo soltanto in tabaccheria, mentre mio marito fa il jolly tra i due negozi». Ieri mattina, la proprietaria era da sola, dato che per le domeniche mattine si alterna con Andrea. «E per fortuna che ero da sola – sorride Barbara – altrimenti, oltre al fortunato vincitore, avrei dovuto far riprendere dall’emozione anche mio figlio». Da oggi, l’Edicola Tabaccheria Arcobaleno è vestita a festa. Chissà invece cosa ne sarà di quei ben-capitati due milioni di euro. —