Fiorano, lungo tubo tra le case per aspirare il gasolio dalla ditta di trasporti

I carabinieri sventano il colpo alla Gelin di via Del Lavoro I ladri avevano posizionato le cisterne nella strada parallela

FIORANO. Un tubo lungo, molto lungo, assemblato con grande fatica nelle ore precedenti al colpo ma decisivo per avviare il furto. Il lavoro di due ladri di gasolio è però sfumato grazie all’attenzione di una pattuglia di carabinieri di Fiorano, che ha sventato l’aspirazione di quasi 5mila litri di gasolio.

È avvenuto tutto dopo la mezzanotte tra via Della Chimica e via Del Lavoro, strade parallele della zona artigianale di Fiorano. Al civico 16 c’è il quartier generale della Gelin Trasporti, importante azienda di logistica internazionale che può vantare circa 300 camion di cui almeno una sessantina sono quotidianamente in servizio sulle strade italiane. Ed era proprio la cisterna che custodisce il gasolio per i mezzi pesanti l’obiettivo dei predoni, arrivati a Fiorano con un camion rubato a Mantova e con le targhe sostituite con altre targhe asportate sempre nel mantovano nei giorni scorsi.


Il lavoro che si prospetta ai due ladri non è affatto semplice, ma potrebbe essere agevolato dal coprifuoco delle ore 22. Viene infatti steso un lungo tubo che dal piazzale della Gelin attraversa via Del Lavoro, entra in alcune proprietà private di fronte e sbuca in via Della Chimica dove c’è il camion parcheggiato con all’interno diverse cisterne di piccole dimensioni. Si parla di una distanza di oltre 100 metri.

I predoni iniziano a lavorare incessantemente. Si può ipotizzare che un ladro resti a bordo del mezzo per rabboccare i contenitori mentre l’altro sia in strada per controllare eventuali imprevisti. Il lavoro prosegue per diverso tempo quando però in via Della Chimica si palesa una pattuglia dei carabinieri di Fiorano. Stanno perlustrando la zona per verificare proprio che non vi siano ladri in giro.

Appena notano i due incappucciati fermano la vettura di servizio, giusto il tempo di vederli fuggire a piedi. Ne nasce anche un inseguimento che però non dà i frutti sperati. Ma il bottino è salvo e il gasolio può essere riconsegnato alla Gelin Trasporti. La chiamata ai referenti della azienda arriva introno alle 2 di notte e da quel momento inizia la lunga trafila operativa per elaborare il rapporto e avviare le indagini.

«Dobbiamo ringraziare i carabinieri per la celerità e l’attenzione - dicono da Gelin - I ladri hanno organizzato davvero un piano cervellotico per rubarci il gasolio, ma è un bene che non ci siano riusciti». —