Spilamberto nel mirino di una banda di ladri

L’ultimo colpo nella casa dei titolari del ristorante Amaretto. Bottino di 8mila euro. Non è l’unico caso negli ultimi giorni

/ Spilamberto

Sarà un caso, ma a Spilamberto negli ultimi tempi si sono inverati diversi episodi di furto. Soltanto due giorni fa (mercoledì) un gruppo di ladri è riuscito a fare irruzione in due diverse abitazioni. «Eravamo fuori casa per il giro di consegne della sera - racconta Emanuela De Carolis, proprietaria del ristorante Amaretto di Spilamberto - sarà stata questione di un’ora, ma quando siamo rientrati in casa tutte le nostre cose di valore erano sparite». Emanuela De Carolis spiega che i malviventi hanno praticato un piccolo foro in una delle finestre, riuscendo a sollevare il gancio che la teneva bloccata. «Evidentemente si trattava di qualcuno che ci ha seguito - prosegue - altrimenti non si spiega come abbia fatto a entrare proprio in quell’intervallo di tempo in cui in casa non c’era nessuno». La refurtiva sottratta alla titolare dell’Amaretto ammonta a circa 8 mila euro. Dopo aver avvertito tempestivamente i carabinieri, i quali hanno preso in carico il caso, non rimaneva che prenderne atto.


Un altro colpo, fortunatamente sventato da Giancarlo Nobili, si sarebbe potuto consumare sempre nella serata di mercoledì, intorno alle 18.30. La zona segnalata è quella di via Canova. «Sarò stato fuori casa 10 minuti - afferma Nobili - quando sono rientrato, ho avvertito del movimento nel giardino del mio vicino. Subito non ci ho fatto caso, poi sono tornato fuori per capire chi ci fosse. È stato allora che ho visto un personaggio nell’orto vicino. Gli ho detto qualcosa e lui ha saltato la recinzione e si è trovato con un altro, evidentemente suo “collega”. Hanno vagato per un po’ intorno all’altra casa, l’ho potuto verificare dopo con le telecamere di sorveglianza».

La vicina di casa del signor Nobili ha poi confermato che verso quell’ora era scattato l’allarme sul suo balcone. «Si tratta di due uomini - prosegue Giancarlo - non è la prima volta che li vedo attraverso le mie telecamere. Già il 13 novembre, alle 3 di notte, tre personaggi hanno attraversato il mio cortile per vedere cosa ci fosse, poi sono andati via».

Il 22 novembre, un cittadino spilambertese (il quale preferisce restare anonimo) residente nel quartiere San Pellegrino ha subito un furto con scasso. «Sono saliti al secondo piano, arrampicandosi sulla grondaia. Hanno spinto e rotto la porta finestra. Evidentemente erano ben muniti, perché non hanno toccato niente, se non un quadro, dietro al quale avevo la cassaforte. Hanno usato un flessibile e portato via contanti e oro». L’uomo ha denunciato tutto ai carabinieri. «Quando sono rientrato, nel giro di un’ora, c’era una puzza incredibile già dalle scale. Ho trovato la porta di casa spalancata, evidente qualcuno dal basso deve aver avvertito il ladro che stavo salendo».

Ieri è stato inoltre denunciato su Facebook un altro tentativo di furto in via Masera, sempre a Spilamberto. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA