Contenuto riservato agli abbonati

Maranello, "spedizioniere" abusivo finisce nei guai

MARANELLO. Aveva creato un vero e proprio punto di raccolta, in vista del periodo natalizio, per i connazionali che intendessero inviare in dono pacchi alle famiglie: un corriere senza autorizzazione è stato scoperto e multato per oltre 4mila euro dalla polizia locale di Maranello.

Infatti la Polizia locale, proprio durante le festività non ha interrotto le attività di controllo, proseguendo, tra le varie cose, anche quelle sui veicoli commerciali. Attività che, di fatto, hanno portato a ottimi risultati; sono infatti emerse irregolarità per tre veicoli, uno dei quali proveniente dall’estero. Inoltre, a queste situazioni, ne vanno aggiunte altre che sono tuttora in corso di verifica. Importante sottolineare come, il servizio, sia stato svolto in collaborazione con i funzionari del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Direzione generale territoriale Nord Est di Venezia, per la precisione). Nello specifico, i controlli si sono concentrati su mezzi che non superassero le 7,5 tonnellate.

Controlli mirati dunque, perché la maggior parte di questi, nelle settimane e nei giorni scorsi, erano impegnati nella consegna di pacchi regalo per conto di grandi catene di commercio online. Nel corso delle attività di controllo, agenti di polizia e funzionari del ministero, hanno potuto accertare la violazione delle normative da parte di ditte che, in pratica, per la consegna di pacchi si avvalgono di piccoli imprenditori sprovvisti di autorizzazione al trasporto di cose per conto terzi.

Sono diversi quindi i casi emersi; in alcuni casi tutta la relativa documentazione è ancora al vaglio. In caso di irregolarità scatteranno naturalmente le dovute sanzioni, il cui obiettivo è la tutela del libero mercato e il contrasto della concorrenza sleale.

Tornando al “punto di raccolta abusivo”, era stato creato da un cittadino straniero in via Matteotti, nei pressi del Parco Ferrari: l’idea dell’uomo era appunto quella di radunare i pacchi regalo che i suoi connazionali volevano inviare alle famiglie per Natale, per poi dirigersi all’estero.

Suo obiettivo, era infatti quello di recapitare la merce ai destinatari con il proprio veicolo, che però, dai controlli, è risultato privo di autorizzazione. Il corriere è dunque stato sanzionato per 4130 euro e inoltre, il suo mezzo, è stato sottoposto a fermo per tre mesi. —

S.P.