Maranello, lavoratori precari licenziati con telefonata prima di Natale. Scatta lo sciopero alla Ferrari

Per la Fiom che ha proclamato un'ora di sciopero si tratta di "un primo forte segnale all'azienda, un segnale che pone l'attenzione sulla richiesta di un confronto urgente, anche per le voci che si rincorrono su esuberi in Gestione Sportiva e riorganizzazioni unilaterali".

MODENA Comincia con uno sciopero il 2021 alla Ferrari. L'iniziativa e' della Fiom-Cgil ed e' mirata a chiedere "il reintegro dei lavoratori precari che non sono stati riconfermati", quattro in tutto, e che l'hanno saputo pochi giorni prima delle ferie natalizie.

In particolare, i lavoratori del reparto Fonderia hanno scioperato per chiedere il reinserimento del collega precario allontanato dall'azienda con una telefonata durante le feste di Natale, "dopo due anni di lavoro".

Lo sciopero di un'ora, segnala il sindacato, e' partito proprio dalla zona di lavoro nella quale lavorava l'operaio in somministrazione lasciato a casa negli scorsi giorni, "una zona di lavoro di eccellenza professionale premiata come miglior tratto di lavoro della Fonderia nel 2020". Con la nuova mobilitazione, quindi, per la Fiom "arriva un primo forte segnale all'azienda, un segnale che pone l'attenzione sulla richiesta di un confronto urgente, anche per le voci che si rincorrono su esuberi in Gestione Sportiva e riorganizzazioni unilaterali".