Policlinico Portare a Modena un acquario per il sorriso

Portare a Modena un “acquario del sorriso”. Il Team Enjoy non conosce la parola “siesta”. Nemmeno il tempo di concludere il primo progetto nazionale in Abruzzo e lo sguardo è già puntato alle iniziative sul territorio modenese.


«Stiamo terminando il nostro progetto per Pescara - conferma Nicola Ortugno, referente del Team - e ovviamente il nostro obiettivo è realizzare un’iniziativa del genere anche a Modena». Il progetto a cui fa riferimento Ortugno si chiama “L’Acquario in Neonatologia”. Il Team Enjoy, motore dell'iniziativa, è in contatto con il progetto artistico Ospedali dipinti. La collaborazione ha coinvolto l’ospedale civile Santo Spirito di Pescara, in cui saranno realizzate le pitture… immersive. Fondali marini e pesci, tartarughe e delfini saranno rappresentati sui muri. Così diventerà ancor più accogliente e umana l’unità operativa di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale dell’ospedale abruzzese. Gli appelli dei sanitari, i passaggi sui social e il passaparola hanno alimentato la solidarietà. La raccolta fondi promossa dall’associazione modenese ha quindi già superato quota 10mila euro.


«Il 31 gennaio scade la raccolta fondi realizzata con tutti gli amici di Pescara - tributa il referente dell’associazione - tra i sanitari e i commercianti. Il nostro primo progetto a livello nazionale ha ricevuto fondi anche da parti di privati. Fondi dalla Sicilia e dall’Abruzzo, dalla Calabria e da Milano». Il progetto in Abruzzo dovrebbe concretizzarsi entro la fine di febbraio. Un’iniziativa analoga è allo studio per un ospedale modenesi. I colori marini dell’Adriatico potranno essere sostituiti da tinte più geminiane. L’obiettivo resta lo stesso: rendere un ospedale sempre più “casa”.

Donare un pizzico in più della felicità, insita nel nome stesso dell’associazione. «Speriamo di organizzare eventi così anche per un ospedale di Modena - riprende Ortugno - o al Policlinico o in una struttura dell’Ausl a Modena, Carpi o Sassuolo. L’evento sarà sempre riferito alla Pediatria e alla Neonatologia. Per adesso siamo bloccati: finché c’è il Covid non sappiamo come muoverci. Stiamo attendendo risposte».


“Bloccati” è un termine relativo per un’associazione dinamica. La stessa associazione che ha organizzato, in epoca pre-pandemia, un flash mob in corsia con l’associazione Ars Movendi Studio per donare sorrisi ai piccoli pazienti dell’Oncoematologia Pediatrica. Ha fatto indossare le scarpe di calcetto a medici, infermieri e tecnici (quando ancora si poteva) per raccogliere fondi solidali, a esempio per l’hospice di Fiorano, con il Memorial Rambaldi.


Il Team Enjoy da anni si spende nel progetto SoccOrso Pediatrico per rendere meno impattanti i viaggi in ambulanza dei giovani e dei giovanissimi. «Il 30 gennaio inaugureremo la terza ambulanza colorata - assicura Ortugno - che sarà dedicata al dottor Filippo Fard».

Il medico del 118 scomparso lo scorso 22 dicembre rimane nella memoria di molti medici e infermieri, pazienti e amici. Il suo nome resterà impresso nell’ambulanza e continuerà a portare il sorriso, insieme ai disegni realizzati dai bambini per decorare l’ambiente. Merito dell’intuizione di una bambina, figlia di Ortugno. La giovanissima ne ha parlato prima all’asilo e poi in famiglia. È nato così il progetto per “adottare” un’ambulanza e renderla più a misura di giovanissimi. Come gli spazi che saranno colorati prima in Abruzzo e poi, come spera il Team Enjoy, anche a Modena.

«Vogliamo portare tanti colori all’interno del reparto», confida Ortugno. «Amo trasformare i reparti ospedalieri in ambienti emozionali - la filosofia dell’artista Silvio Irilli, fondatore di Ospedali Dipinti - perché il paziente non è solo un paziente: è soprattutto una persona». La giornalista Rai Maria Soave sarà la madrina dell’inaugurazione a Pescara. Ulteriori novità sono attese per l’evento modenese, nuova tappa di un percorso costellato di spirito di servizio e sorrisi. Proprio come facevano i volontari dell’associazione sin dall’inizio, distribuendo peluche al PalaPanini. Dal tempio della pallavolo ai flash mob in corsia, dall’ambulanza colorata alle pitture immersive le iniziative sono tante. Unico lo spirito: donare gioia ovvero “enjoy”. —