Contenuto riservato agli abbonati

Modena Due cani e 5 gatti erano con famiglie in gravi difficoltà

Gli agenti hanno controllato le condizioni di vita e provveduto a trovare una soluzione idonea per gli amici a quattro zampe

MODENA Ci sono poi casi in cui la polizia locale aiuta famiglie in difficoltà che non riescono ad accudire gli animali di compagnia. Ci sono ad esempio i due cani e i cinque gatti che vivevano in condizioni precarie che sono stati scoperti dagli agenti in due distinti interventi compiuti nei giorni scorsi. Per i sette amici a quattro zampe, recuperati dagli appartamenti dei rispettivi proprietari, è iniziato il percorso che permetterà di collocarli in strutture dedicate, agevolandone poi future adozioni da parte dei cittadini.

Spesso le segnalazioni, a partire da quelle legate a un abbaiare prolungato offrono uno spunto per verifiche più approfondite anche sulle condizioni, fisiche ma non solo, dell’amico a quattro zampe, come è accaduto nei casi degli ultimi giorni.

E proprio gli interventi per situazioni di presunto “disturbo”, ovvero il cane che abbaia, costituiscono la principale operatività; peraltro, il fenomeno ha conosciuto un incremento con il lockdown. La Polizia locale agisce spesso assieme agli operatori dell’Ufficio comunale diritti degli animali. E anche gli interventi dei giorni scorsi sono stati congiunti. In zona Vignolese, infatti, è stato individuato un giovane che vive in casa da solo, col sostegno dei Servizi sociali del Comune, ma con la “compagnia” di 5 gatti che al momento del controllo si presentavano in una situazione difficile; è stato avviato quindi il percorso, coinvolgendo la famiglia, che ha portato a una delicata cessione dei felini, anche dal punto di vista sanitario, e al successivo accesso dei mici in una struttura convenzionata col Comune.

La seconda attività ha riguardato un appartamento di zona Morane, dove vivono madre e figlia, a loro volta seguite dai Servizi sociali: come riscontrato dagli operatori, le donne vivevano con due cani nonostante mancassero le possibilità economiche per mantenerli; inoltre, le necessità degli animali non erano adeguatamente rispettate. Anche in questo caso è stato attivato l’iter volto a individuare una diversa collocazione. —