«A Modena e provincia 69 focolai nelle scuole»

Da inizio anno scolastico sono stati 450: 167 alle materne Eseguiti oltre 16mila tamponi molecolari: 1.716 i positivi

MODENA. Al 1° febbraio i focolai attivi nelle scuole di Modena e provincia sono 69.

Lo ha comunicato l’Azienda Usl di Modena facendo il punto sulla situazione dei contagi da Coronavirus tra gli studenti, specificando che per focolaio si intende una classe - o una sezione nel caso degli asili - in cui sono stati riscontrati almeno due casi di Covid, non necessariamente collegati tra loro.


Il tema è stato trattato anche dall’assessore alla Salute Raffaele Donini che ieri in commissione regionale ha risposto a una interrogazione a firma della consigliera di Forza Italia Valentina Castaldini. La forzista aveva chiesto un chiarimento sui dati del contagio negli istituti modenesi.

Donini ha specificato che «al primo febbraio sono stati eseguiti 16.201 tamponi molecolari a 13.413 a studenti modenesi: 1.716 sono risultati positivi. Su 2.788 tamponi al personale i positivi sono stati 329».

Donini ha poi elencato i dati relativi ai tamponi antigenici rapidi eseguiti tramite il servizio pubblico, dunque senza quelli che gli studenti possono eseguire in farmacia: «Su 9.443 test, 8.455 sono stati fatti a studenti (391 i positivi) e 988 al personale (29 i positivi)».

Per quanto concerne i focolai, l’assessore regionale ha detto che dall’inizio dell’anno scolastico al primo febbraio se ne sono registrati 450 in tutta la provincia di Modena.

Donini ha poi fornito il dettaglio: «I focolai sono stati 36 nei nidi, 167 nelle scuole materne, 131 nelle elementari, 79 nelle medie e 37 negli istituti superiori. Il maggior numero di focolai si è registrato nella seconda metà di novembre. Per ridurre il rischio di incremento dei contagi - ha concluso l’assessore alla Salute - c’è stata una rigorosa applicazione dei protocolli sanitari nelle scuole e sui mezzi di trasporto».

E in effetti secondo quanto accertato dalle indagini epidemiologiche che l’Ausl effettua ogni qual volta si verifica un contagio, difficilmente la diffusione del virus avviene all’interno delle classi e delle scuole.

Spesso e volentieri se ci sono due casi nella stessa classe è perché la trasmissione avviene al di fuori dell’ambito prettamente scolastico. —

GIB

© RIPRODUZIONE RISERVATA